Consulenza o Preventivo Gratuito

Revisori legali, battaglia a difesa della collettività

del 27/11/2013
di: di Giovanni Battista Calì* * Consigliere Segretario dell'Odcec di Roma
Revisori legali, battaglia a difesa della collettività
Una richiesta chiara e decisa, quella che più di mille Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, in rappresentanza di 120 Ordini locali, hanno elevato, partecipando a Roma, alla manifestazione unitaria della categoria in difesa dell'equipollenza che fino ad oggi ha garantito ai commercialisti l'esonero dalla prova d'esame per l'accesso al Registro dei Revisori Legali. Si è trattato di una iniziativa che assume un significato ancora più rilevante tenuto conto del recentissimo parere del Consiglio di Stato, che da il via libera al regolamento concertato tra i Ministeri della Giustizia e dell'Economia sull'esame d'accesso al Registro, secondo cui i commercialisti dovranno superare due distinti esami, uno per l'accesso all'Albo e uno per l'iscrizione al Registro dei Revisori.

Una battaglia per riaffermare il ruolo delle professioni italiane regolamentate, come ha affermato Giancarlo Laurini, commissario straordinario del Consiglio nazionale dei commercialisti che ha promosso la manifestazione su sollecitazione degli Ordini e delle associazioni di categoria.

«Si tratta della difesa dei diritti e degli interessi di tutta la società», ha spiegato Laurini, «non di interessi corporativi. In Italia, purtroppo, si richiama spesso la normativa comunitaria non per comprenderne lo spirito, ma per fare delle scelte che non sono in perfetta sintonia con essa, frutto di confusione e disinformazione. La manifestazione di oggi rappresenta il ritorno dei commercialisti all'incontro con la politica, visto che due stimabili esponenti del Governo hanno dato la loro disponibilità a risolvere il problema. Il percorso per rivendicare un diritto inalienabile è stato ormai tracciato». Il presidente dell'Odcec di Roma, Mario Civetta, spiega le ragioni della posizione della categoria: «Con il doppio esame inevitabilmente nel futuro si creerebbero due professioni: una di serie A con laurea e tirocinio triennale (quella del revisore legale) ed una di serie B con laurea e tirocinio a 18 mesi (gli iscritti ai nostri Ordini). La questione dell'equipollenza è stata oggetto di un dibattito molto intenso e in parte anche contrastato all'interno ed all'esterno della nostra Categoria. È doveroso per noi adoperarci per evitare una riforma che preveda un doppio esame o un esame integrativo per i giovani che vogliono intraprendere la nostra professione».

vota