Consulenza o Preventivo Gratuito

Debiti contributivi, ora rateizzare costa meno

del 09/11/2013
di: di Leonardo Comegna
Debiti contributivi, ora rateizzare costa meno
Dopo la decisione assunta dal consiglio direttivo della Banca centrale europea, regolarizzare i debiti contributivi costa un po' di meno. Il nuovo valore del tasso d'interesse sulle operazioni di rifinanziamento dell'Eurosistema (ex Tasso ufficiale di riferimento) passato dallo 0,50 allo 0,25% ha efficacia diretta a decorrere dal 13 novembre. La normativa che disciplina la materia, l'art. 14 della legge n. 448/1998 indica quale tasso base il Tur (Tasso ufficiale di riferimento, ex Tus), favorendo così, attraverso una minore incidenza degli oneri accessori, la regolamentazione spontanea dei debiti. Essendo la misura del Tur fissata a partire dal 13 novembre in misura pari allo 0,25%, ne consegue che gli interessi di dilazione da applicare alle rateazioni concesse dalla suddetta data deve essere calcolato sulla base del nuovo tasso del 6,25% (Tur maggiorato di sei punti, come previsto dall'art. 3, comma 4, della n. 402/1996). Nei casi di autorizzazione al differimento del termine di versamento dei contributi (come in presenza di richiesta per ferie collettive dell'azienda), a partire dalla contribuzione relativa al mese di novembre 2013 si applica l'aliquota del 6,25%.

Con decorrenza 13 novembre cambia anche l'aliquota di calcolo delle somme aggiuntive:

- per il ritardato pagamento delle inadempienze contributive spontaneamente denunciate nei termini, oppure spontaneamente denunciate entro l'anno e pagate entro i 30 giorni successivi, la sanzione è pari al Tur (0,25%) maggiorato di 5,5 punti e, quindi, al 5,75% annuo;

- per il mancato pagamento dei contributi accertati dall'ente, denunciati dagli interessati oltre un anno dalla scadenza, oppure denunciati entro l'anno e non pagati nei 30 giorni, il tasso è pari al 30% annuo nel limite del 60%;

- per le inadempienze dovute a incertezze connesse a contrastanti orientamenti giurisprudenziali o amministrativi e a condizione che il pagamento avvenga nei termini fissati dall'ente impositore, è pari al Tur maggiorato di 5,5 punti e quindi al 5,75% annuo;

- per le procedure concorsuali, occorre fare riferimento nella misura del Tur oggi tasso di interesse sulle operazioni di rifinanziamento principali dell'Eurosistema (0,25%) ma la sanzione ridotta non può comunque essere inferiore al limite fissato per gli interessi legali (2,50%).

vota