Consulenza o Preventivo Gratuito

Protezione del veicolo a due vie

del 20/03/2010
di: di Stefano Manzelli
Protezione del veicolo a due vie
Spetta al legale rappresentante della società intestataria del veicolo sequestrato richiedere la restituzione del mezzo sottratto al conducente per guida alterata. In questo caso infatti, l'autista sanzionato è solo legittimato a contestare l'esistenza dei presupposti del sequestro preventivo ma non a rivendicare la disponibilità del bene. Lo ha chiarito la Corte di cassazione, sez. IV penale, con la sentenza n. 1861 del 15 gennaio 2010. Un automobilista socio di una società di persone è stato fermato alla guida del veicolo aziendale in evidente stato di ebbrezza. Contro il conseguente sequestro preventivo del mezzo finalizzato alla confisca l'interessato ha proposto ricorso al tribunale del riesame che però ha confermato la misura cautelare. E la Cassazione ha mantenuto questa impostazione dichiarando inammissibili le censure. Solo il legale rappresentante della società proprietaria del mezzo può richiedere la restituzione del veicolo sequestrato. L'autista pizzicato con tasso alcolico fuori legge è invece legittimato a contestare l'esistenza dei presupposti del sequestro preventivo ovvero la sussistenza dell'illecito posto a fondamento della misura cautelare.
vota