Consulenza o Preventivo Gratuito

L'abuso di diritto, norma necessaria

del 20/03/2010
di: di Cristina Bartelli
L'abuso di diritto, norma necessaria
Abuso di diritto, cum grano salis per il fisco. «L'Agenzia usa una cautela elevata nell'utilizzo dell'abuso di diritto perchè l'amministrazione ha come precipuo interesse il contrasto all'effettiva evasione e elusione fiscale attraverso gli strumenti messi a disposizione delle norme attualmente in vigore e in subordine laddove non sono applicabili le predette norme attraverso l'eventuale utilizzo di questo principio immanente dell'abuso di diritto». Pasquale Cormio, capo accertamento della direzione regionale dell'Agenzia delle entrate della Lombardia, rassicura i dottori commercialisti e i rappresentanti delle imprese intervenuti l'8° Forum della Scuola di alta formazione dell'Ordine dei dottori commercialisti e degli esperti contabili di Milano «Imposizione e abuso: la sottile linea di confine tra elusione, risparmio d'imposta e certezza del diritto». «Non abbiamo nessun interesse a procedere autonomamente», ha sottolineato Cormio, «senza ascoltare le ragioni del contribuente». E sull'ipotesi di una riscrittura dell'articolo 37-bis in chiave di norma antielusiva generale, il dirigente della Dre Lombardia considera giusto collocare «la norma antielusiva generale nella legge sullo statuto del contribuente in modo da avere un ruolo trasversale in tutti i settori impositivi». Per Maurizio Leo, presidente della commissione di vigilanza sull'anagrafe tributaria della Camera, «la linea di demarcazione è rappresentata dall'aggiramento dell'obbligo, quando insomma si carpisce la buona fede del legislatore». Per Alessandro Samorana, consigliere dell'Ordine di Milano, «è emersa la necessita di una norma di carattere generale che elimini la situazione di incertezza, perché l'ambito dell'abuso di diritto rischia di sconfinare nelle scelte imprenditoriali». Al convegno, che si è aperto con il ricordo del presidente Luigi Martino, recentemente scomparso, hanno partecipato Guido Marzorati, direttore settore Diritto d'impresa e Fisco Assolombarda, Gaspare Falsitta, emerito di Diritto tributario Università di Pavia, Luigi Vinciguerra, Guardia di finanza, Nucleo polizia tributaria di Milano, e Franco Roccatagliata, Commissione europea, Direzione generale della fiscalità e dell'Unione doganale.

vota