Consulenza o Preventivo Gratuito

L'ultimo tassello per lo spesometro

del 19/10/2013
di: di Giovanni Galli
L'ultimo tassello per lo spesometro
Lo spesometro conquista l'ultimo tassello: le specifiche tecniche per la comunicazione, da parte degli operatori finanziari, degli acquisti pagati dai consumatori mediante carte elettroniche. Con un provvedimento di ieri, 18 ottobre 2013, il direttore dell'agenzia delle entrate ha infatti approvato la «mappa» delle informazioni che gli operatori finanziari devono comunicare all'agenzia, ai sensi dell'art. 21, comma 1-bis, del dl n. 78/2010, in relazione agli acquisti di importo non inferiore a 3.600 euro effettuati dai consumatori finali (non soggetti passivi Iva), il cui pagamento avvenga mediante carte di credito, di debito o prepagate.

Queste operazioni non devono quindi essere segnalate dagli esercenti. Il tracciato richiede, tra l'altro, il codice fiscale del titolare della carta elettronica, oppure, se si tratta di soggetto non residente, i dati anagrafici e il domicilio. Si rammenta che il termine per l'invio dei dati delle operazioni relative al periodo dal 6 luglio 2011 al 31 dicembre 2011 è stato differito, da ultimo, al 12 novembre 2013, mentre non è ancora chiaro, invece, entro quale termine gli operatori finanziari debbano inviare la comunicazione delle operazioni del 2012.

©Riproduzione riservata

vota