Consulenza o Preventivo Gratuito

Stazioni, locazione pubblica

del 18/10/2013
di: Marilisa Bombi
Stazioni, locazione pubblica
Illegittima la trattativa privata per la locazione di vani commerciali all'interno della stazione. Ciò quando i contenuti specifici del contratto vanno ben oltre la cessione della mera detenzione dell'immobile. Ovvero nel caso in cui prevedono un'ingerenza delle Ferrovie non giustificata da un mero rapporto di locazione ed evidenziano, invece, che il contratto è caratterizzato dalla volontà di garantire un servizio attinente ai viaggiatori. Se non vi è in sostanza, ha precisato il Consiglio di stato, sezione VI, nella sentenza 4902 depositata il 4 ottobre, una mera connessione logistica dovuta alla collocazione dell'attività in locali destinati al servizio pubblico ma una chiara connessione funzionale con i viaggiatori, va applicato il codice degli appalti. Tanto gli appalti «sotto soglia», che fruiscono di una temporanea esenzione, che gli appalti e le concessioni di servizi «esclusi», che fruiscono di un regime di parziale esenzione, precisa infatti la sentenza, rientrano negli scopi del diritto comunitario. Con la conseguenza che va applicato l'art. 27 del dlgs 163/2006, il quale estende l'applicazione dei principi del trattato Ue anche ai contratti esclusi, per ragioni di soglia o di oggetto. E ciò in quanto è posto un principio di rispetto delle regole minimali di evidenza pubblica, a tutela della concorrenza e del mercato, da parte dei soggetti tenuti al rispetto del codice degli appalti. Nel caso specifico, il contratto stipulato dalle Ferrovie prevedeva che la struttura e la destinazione dei locali, i tipi di servizi da fornire alla clientela, le attrezzature e gli arredi dovevano essere predisposti e organizzati sotto la direttiva delle Ferrovie allo scopo del migliore soddisfacimento delle esigenze dei viaggiatori. Il contratto prevedeva, inoltre, che «la ditta è obbligata a mantenere in condizioni di pulizia il pavimento dell'intero atrio biglietteria, sala d'attesa e quant'altro adibito a luogo di accesso al pubblico interno ed esterno della stazione».

vota