Consulenza o Preventivo Gratuito

Causa: la marca da 8 diventa da 25

del 15/10/2013
di: La Redazione
Causa: la marca da 8 diventa da 25
Arriva un salasso per gli avvocati. La cosiddetta «marca da otto», ossia l'importo forfettario di 8 euro che si versa, oltre al contributo unificato, all'atto dell'iscrizione a ruolo della causa, triplica e arriva a 25 euro per garantire l'assunzione dei nuovi magistrati vincitori di concorso. Per i quali lo stato spenderà 18,6 milioni nel 2014, 25,3 nel 2015 e 31,2 nel 2016, tutti finanziati attraverso l'aumento dei diritti di notifica e la riduzione di un terzo degli importi spettanti al difensore, all'ausiliario del magistrato, al consulente tecnico di parte e all'investigatore privato. E arriva anche l'obolo per partecipare agli esami di avvocato e ai concorsi di notaio e magistrato. Per partecipare l'esame di abilitazione all'esercizio della professione forense si dovranno versare 50 euro, mentre gli aspiranti cassazionisti dovranno pagarne 75. Sempre 50 euro sarà il contributo obbligatorio a carico dei futuri notai e magistrati. Con la bozza di legge di stabilità 2014 il ministero della giustizia ha chiarito una volte per tutte che, di questi tempi, i concorsi costano troppo. Troppi i candidati per l'esame di avvocato, ad esempio, che costano a via Arenula, tra allestimento delle aule, cancelleria e rimborso spese per i commissari, circa 3 milioni di euro a sessione. Soldi che le tasse attualmente pagate dai candidati (12,91 euro più 14,62 euro per bollo) non bastano a coprire. In questo modo, stima la relazione illustrativa della bozza di manovra, considerando che in media partecipano all'esame 37.000 candidati a sessione, il ministero guidato da Anna Maria Cancellieri incamererà 1.850.000 euro, coprendo così parte delle spese. Anche il concorso da notaio in quanto a costi non scherza. Il ministero spende circa 470.000 euro e per questo chiede ai 5.500 candidati che in media si presentano al concorso di pagare 50 euro. Per quanto riguarda invece le future toghe, la necessità di imporre un contributo di 50 euro si impone in considerazione del fatto, si giustifica il ministero, che per ogni concorso si spendono in media 2 milioni di euro.
vota