Consulenza o Preventivo Gratuito

E-book a scuola dal 2014 Risparmio netto del 10%

del 28/09/2013
di: di Beatrice Migliorini
E-book a scuola dal 2014  Risparmio netto del 10%
Via libera alla transizione verso il libro digitale nella scuola. Ieri, infatti, il ministro dell'istruzione Maria Chiara Carrozza ha firmato il dm che sancisce tempi e modi del passaggio dalla carta all'e-book. La novità, che verrà introdotta gradualmente a partire dal prossimo anno scolastico, porterà con sé anche un cambiamento dei tetti di spesa per i testi, con un risparmio immediato del 10% per le famiglie degli alunni che frequenteranno le classi prime, della secondaria di primo grado e le prime e le terze, della secondaria di secondo grado. Il decreto contiene, nel suo allegato, anche linee guida sul libro del futuro che dovrà essere fruibile su tutti i supporti digitali. Il decreto, infatti, pone dei precisi paletti per le caratteristiche degli e-book. I libri di testo dovranno continuare a essere conformi alle indicazioni nazionali, dovranno offrire un'esposizione autorevole degli argomenti, organizzare contenuti complessi in un percorso narrativo efficace attraverso infografiche, animazioni, tabelle, contenuti audio e video. I software utilizzati, inoltre, dovranno essere aperti e interoperabili, fruibili con la stessa qualità, cioè, su tutti i supporti elettronici, dai computer ai tablet, in commercio per lasciare libertà di scelta alle famiglie e ai docenti nell'acquisto. I dati raccolti eventualmente attraverso le piattaforme di fruizione dovranno essere gestiti secondo le normative sulla privacy.

Nel caso in cui, poi, siano necessari software specifici per l'utilizzo degli e-book o dei contenuti digitali dei libri misti, gli studenti dovranno poterli scaricare gratuitamente sul sito dell'editore. Novità anche per i docenti che, a partire dall'anno scolastico 2014-2015, potranno decidere di adottare libri nella versione elettronica o mista. Se, però, i docenti decideranno di adottare solo libri digitali, il tetto di spesa per le famiglie sarà ridotto del 30% e le riduzioni si applicheranno progressivamente. Restano, inoltre, confermati per il 2014-2015 i prezzi di copertina dei libri di testo per la scuola primaria già definiti per il 2013-2014, eventualmente incrementati del tasso di inflazione programmata, mentre viene abrogato il precedente decreto sui libri digitali (209/2013). «Sono consapevole dell'importanza di questo passaggio storico al libro digitale», ha spiegato la Carrozza, «cambierà il modo di apprendere, ma non dovrà cambiare l'attenzione ai contenuti e alla qualità stessa dell'apprendimento».

© Riproduzione riservata

vota