Consulenza o Preventivo Gratuito

Inps più caro per i pescatori

del 27/09/2013
di: di Leonardo Comegna
Inps più caro per i pescatori
È pari a 35,86 euro al mese il contributo dovuto quest'anno all'Inps da parte dei pescatori autonomi. Il valore aggiornato è indicato dallo stesso ente di previdenza nella circolare n. 137/2013. Si tratta dei lavoratori autonomi che svolgono l'attività di pesca, i quali anche quando non siano associati in cooperativa sono soggetti alla legge n. 250/1958, e sono quindi tenuti a versare all'Istituto un contributo mensile, soggetto a adeguamento annuale, commisurato alla misura del salario convenzionale per i pescatori della piccola pesca marittima e delle acque interne associati in cooperativa.

Contribuzione 2013. La misura del salario giornaliero convenzionale del 2013, sulla quale va calcolato il contributo, risulta pari a 26,15 euro (654 euro al mese sulla base di 25 giornate). Sulla base delle disposizioni emanate in attuazione della riforma Dini (art. 3, comma 23 della legge n. 335/1995) i pescatori autonomi sono soggetti all'aumento di 4,29 punti percentuali; tale incremento è applicato gradualmente in ragione di 0,50% ogni due anni a partire dal 1° gennaio 1997, con ultimo aumento di 0,29 % dal 1° gennaio 2013. Pertanto il contributo mensile per il 2013 risulterebbe pari a 97,45 euro (il 14,20% di 654 euro).

Sgravio. Tale contributo gode però dello sgravio stabilito a salvaguardia dell'occupazione della gente di mare, sconto da ultimo rideterminato dalla legge di stabilità 2013 (art.1, comma 4). In conclusione, si legge nella circolare, le imprese in questione sono tenute ad applicare la percentuale del beneficio spettante nelle seguenti misure: 63,20% per gli anni 2013 e 2014; 57,50% per il 2015; 50,30% per il 2016. Per cui, l'aliquota contributiva 2013 passa dal 14,20 al 5,23%. Conseguentemente il contributo mensile, al netto della predetta agevolazione, deve essere corrisposto in misura pari a 35,86 euro. Nulla è infine innovato in materia di versamento del contribuzione che deve essere effettuata in rate mensili aventi scadenza il giorno 16 di ogni mese.

vota