Consulenza o Preventivo Gratuito

Fallimenti, per Equitalia conta la data del debito

del 25/09/2013
di: Debora Alberici
Fallimenti, per Equitalia conta la data del debito
Equitalia può insinuarsi al passivo fallimentare anche con ritardo rispetto agli altri creditori. Infatti non è necessaria la preventiva formazione del ruolo né la notifica della cartella esattoriale. L'importante, infatti, è che il debito con il fisco sia anteriore rispetto alla dichiarazione di fallimento. Non solo: il curatore deve trasmettere prontamente i documenti sullo stato di dissesto dell'azienda. Lo ha sancito la Suprema corte di cassazione che, con l'ordinanza n. 21804 del 24 settembre 2013, ha accolto il ricorso della società di riscossione. Per giungere a questa decisione la sesta sezione civile ha prima ricordato che la domanda di ammissione al passivo può essere accolta, se del caso con riserva (ove vi siano contestazioni in atto), sulla base del solo ruolo, senza che occorra la previa notifica della cartella esattoriale al curatore fallimentare. Ma non solo. In un'altra occasione la stessa Corte di cassazione aveva, inoltre, affermato che la domanda di ammissione al passivo di un fallimento avente ad oggetto un credito di natura tributaria, presentata dall'amministrazione finanziaria, non presuppone necessariamente, ai fini del buon esito della stessa, la precedente iscrizione a ruolo del credito azionato, né la notifica della cartella di pagamento e l'allegazione all'istanza della documentazione comprovante l'avvenuto espletamento delle dette incombenze, potendo, viceversa essere basata anche su titoli di diverso tenore quali ad esempio titoli erariali, fogli prenotati a ruolo, sentenze tributarie di rigetto dei ricorsi del contribuente. Stringenti, ad avviso del collegio di legittimità, anche gli obblighi a carico del curatore che deve trasmettere al fisco, prontamente, tutti i documenti che chiariscono il dissesto finanziario. Sulla base di questi motivi il collegio di legittimità ha bocciato il decreto emesso dal tribunale fallimentare di Torre Annunziata che aveva bocciato l'istanza di insinuazione al passivo di Equitalia perché presentata con ritardo.

© Riproduzione riservata

vota