Consulenza o Preventivo Gratuito

Il giovane professionista solo nei raggruppamenti

del 19/09/2013
di: di Andrea Mascolini
Il giovane professionista solo nei raggruppamenti
Negli appalti integrati l'impresa di costruzioni che si avvale di un progettista per documentare i requisiti progettuali non deve documentare anche la presenza del giovane professionista abilitato da meno di cinque anni; il giovane professionista è necessario soltanto in caso di raggruppamento di progettisti. È quanto afferma l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici con il parere n. 91 del 22 maggio 2013, da poco reso noto. La questione riguarda l'applicazione, nelle procedure di affidamento di appalti di progettazione esecutiva e costruzione (i cosiddetti appalti integrati), della norma che impone la presenza del giovane professionista abilitato da meno di cinque anni nel raggruppamenti di progettisti. Negli appalti integrati, infatti, laddove l'impresa di costruzioni non possieda la qualificazione Soa per progettazione e costruzione o comunque non sia in grado di documentare il possesso dei requisiti progettuali previsti dal bando di gara, in base all'art. 53, comma 3 del Codice dei contratti pubblici, può o «avvalersi» di un progettista (nella forma del professionista singolo, associato, della società di ingegneria o del raggruppamento di progettisti) o associarlo nel raggruppamento. Nel caso esaminato l'impresa di costruzioni, priva dei requisiti prescritti per i progettisti, si è avvalsa di un progettista esterno per la partecipazione alla gara senza tuttavia indicare un giovane professionista abilitato, come richiesto dal disciplinare per il caso di partecipazione in Rti. L'Autorità in primo luogo chiarisce che l'art. 53, comma 3 del codice configura un avvalimento «atecnico», in cui il progettista fornisce all'impresa un servizio qualificato, rimanendo estraneo al rapporto contrattuale stipulato con la p.a., e che non rileva l'applicazione delle disposizioni previste dall'art. 49 del Codice per il contratto di avvalimento. L'Autorità afferma quindi che se l'impresa si avvale di un progettista esterno non scatta l'obbligo di documentare la presenza di un giovane professionista, norma che vale, invece, in caso di raggruppamento e non per il caso specifico in cui non era stato costituito un raggruppamento temporaneo fra progettista e impresa.
vota