Consulenza o Preventivo Gratuito

Studi di settore con moral suasion

del 18/03/2010
di: di Filippo De Magistris
Studi di settore con moral suasion
Studi di settore con minaccia. Appartiene alla fumosa categoria della moral suasion la recente pratica di inserire nell'invito al contraddittorio basato sugli studi di settore anche dati, ulteriori rispetto a quelli di impresa o di lavoro autonomo, come il possesso di auto di lusso o case, che lasciano supporre l'esistenza di un reddito evaso. Da un punto di vista giuridico la coesistenza tra i due istituti potrebbe essere perlomeno azzardata senonchè l'amministrazione finanziaria ha avuto modo di chiarire nella circolare n . 12 del marzo 2010 come il recente orientamento della corte di cassazione (sentenze n. 26638, 26637, 26636, 26635 sezioni unite, depositate il 18 dicembre 2009) non ha specificato quali siano le caratteristiche degli elementi che, nell'ambito del necessario contraddittorio, possono contribuire alla personalizzazione del risultato degli studi di settore. In questi termini secondo il fisco la proprietà di immobili, la disponibilità di autoveicoli, l'esistenza di un mutuo o di movimenti finanziari da e verso l'estero daranno conferma della alta probabilità che il risultato di non congruità degli studi di settore abbia un riflesso nella sproporzione fra tenore di vita e reddito dichiarato dal contribuente. L'efficacia di tale strumenti pare sia corroborata dagli ottimi risultati che la strategia sta dando, sia in termini di recupero di evasione pregressa, sia in termini di definizione degli accertamenti. Quest'ultima evenienza secondo l'amministrazione finanziaria è certamente favorita dalla particolare «persuasività» degli elementi utilizzati per supportare le risultanze degli studi la cui efficacia viene immediatamente colta dagli stessi contribuenti interessati.

Studi e indici di ricchezza. Negli inviti al contraddittorio propedeutici all'accertamento da studi di settore vengono elencati elementi che suggeriscono la presenza di un tenore di vita e una disponibilità economica che non trovano riscontro nella dichiarazione dei redditi. Si va, quindi, dal possesso di immobili a quello di veicoli, passando per aerei e movimentazioni bancarie. Tutte informazioni che non incidono sulla creazione della funzione di ricavo tipica della propria attività ed elaborata in base al software Gerico. Ma si tratta, piuttosto, di elementi e di informazioni che in assenza di un reddito adeguato, da una parte puntellano il risultato degli studi e dall'altro lasciano trasparire un'esplicita avvertenza: ovvero che sia meglio aderire alle risultanze dello studio di settore con immediatezza piuttosto che impegnarsi in un faticoso contraddittorio che interesserà, a questo punto, l'intera posizione del contribuente. È evidente, infatti, che in caso di gravi indizi di evasione l'indagine fiscale potrà essere supportata da altri mezzi istruttori, come redditometro o indagini finanziarie.

Reddito e tenore di vita. Ai fini dello studio di settore, a quanto pare, rileva anche la totale posizione della famiglia soprattutto quanto l'unica fonte di approvvigionamento di risorse è rappresentata dall'attività economica sottoposta agli studi di settore. Il reddito d'impresa rappresenta quindi l'elemento principale che compone il reddito complessivo conseguito. In questi casi il sostentamento del nucleo familiare del contribuente accertato è garantito da un reddito che, molto spesso si rivela poco plausibile anche alla luce degli elementi conosciuti dal fisco. In questo senso l'invito al contraddittorio si premunisce di indicare: 1) la proprietà di immobili, non locati o diversamente utilizzati, la cui gestione ha certamente comportato il sostenimento di spese; 2) le spese per interventi di recupero del patrimonio edilizio; 3) la disponibilità di autoveicoli, imbarcazioni e aeromobili il cui uso e manutenzione hanno certamente comportato il sostenimento di spese; 4) l'acquisto di immobili, autovetture, imbarcazioni, aeromobili, azioni, partecipazioni, e così via; 5) l'esistenza di un mutuo che implica il sostenimento di spese per la restituzione del capitale e degli interessi.

vota