Consulenza o Preventivo Gratuito

Udienze tematiche per gestire meglio le liti tributarie

del 18/03/2010
di: La Redazione
Udienze tematiche per gestire meglio le liti tributarie
Dalle Entrate indicazioni agli uffici per ridurre il numero dei giudizi pendenti nei gradi di merito. L'Agenzia, con una nota illustrata ieri su Fiscooggi, rinnova ai propri uffici una serie di «raccomandazioni utili» per una migliore gestione del contenzioso. Scopo primario, che si prefiggono le Entrate e il Consiglio di presidenza della giustizia tributaria, è quello di arrivare a soluzioni condivise per ridurre il numero dei giudizi pendenti nei diversi gradi di merito e giungere a una migliore organizzazione del lavoro. Per realizzare l'obiettivo, direzioni regionali e uffici delle Entrate sono invitati a mantenere uno stretto contatto con presidenti di Ctp e Ctr al fine di formare un calendario delle udienze che tenga conto anche delle esigenze delle strutture territoriali, così da consentire, nel limite del possibile, che nell'ambito di un'udienza si concentrino le cause in cui è richiesta la presenza dello stesso ufficio ed evitare la contemporaneità della trattazione di udienze riguardanti il medesimo ufficio in più sezioni della Commissione. Gli uffici dovranno farsi parte attiva nella segnalazione di controversie riguardanti la stessa questione per permettere al collegio giudicante di predisporre udienze tematiche. L'Agenzia, inoltre, si legge su Fiscooggi, è in grado di offrire ai presidenti di Commissione il proprio supporto tecnico per le segnalazioni periodiche delle «questioni di rilevante interesse o di ricorrente frequenza». L'invito che viene rivolto alle strutture periferiche del Fisco, nel prendere contatto con le segreterie delle Commissioni tributarie, è di sottoscrivere specifici protocolli che consentano la sistematica trasmissione di tutte le sentenze depositate.
vota