Consulenza o Preventivo Gratuito

Under 35 e single, esteso l'accesso ai mutui agevolati

del 07/09/2013
di: Valerio Stroppa
Under 35 e single, esteso l'accesso ai mutui agevolati
Si estende la platea delle giovani coppie e genitori single con figli minori che possono richiedere un mutuo agevolato fino a 200 mila euro per comprare casa. Ferma restando l'età inferiore ai 35 anni dei richiedenti, il requisito reddituale sarà più tollerante: da un Isee complessivo di 35 mila euro si passa a 40 mila. E la garanzia statale sarà accessibile anche in assenza di un contratto di lavoro a tempo indeterminato. È quanto prevede il dpcm n. 103 del 24 giugno 2013, emanato dal Dipartimento della gioventù e del servizio civile nazionale e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 209 di ieri.

Il provvedimento modifica il dm n. 256 del 17 dicembre 2010, che aveva dato attuazione al Fondo per l'accesso al credito per l'acquisto delle abitazioni principali da parte delle giovani coppie e delle famiglie monogenitoriali con figli minori, istituito dal dl n. 112/2008.

Il dpcm, che sarà in vigore dal prossimo 21 settembre, modifica anche la regola per il calcolo degli interessi massimi sui finanziamenti. Finora per calcolare il tasso limite era previsto un doppio binario: nei mutui a tasso variabile l'Euribor più uno spread (150 punti base per i prestiti di durata superiore a 20 anni, 120 punti base per quelli di durata inferiore), in presenza di tasso fisso l'Interest rate swap più il medesimo spread. D'ora in avanti il tasso massimo sarà identificato nel tasso effettivo globale medio sui mutui, pubblicato trimestralmente dal Mef.

Lieve ritocco anche alle caratteristiche dell'immobile acquistato: oltre a non essere accatastato come di lusso, potrà avere una superficie massima di 95 metri quadrati (e non più 90 come stabilito fino a oggi). Nella concessione della garanzia statale sarà data priorità ai casi in cui le abitazioni sono situate in comuni ad alta tensione abitativa. Abrogato poi il divieto di cartolarizzazione dei mutui garantiti dal Fondo.

Si ricorda che l'articolo 6 del recente decreto Imu (dl n. 102/2013) ha incrementato la dotazione del Fondo per le giovani coppie di 30 milioni di euro annui per il 2014 e 2015, ammettendo ai benefici anche gli under-35 titolari di rapporti di lavoro atipico.

© Riproduzione riservata

vota