Consulenza o Preventivo Gratuito

Il federalismo deve essere controllato

del 31/08/2013
di: Beatrice Migliorini
Il federalismo deve essere controllato
Si alla Service tax, ma solo se preserverà la caratteristica di tassa di scopo. Questa la posizione assunta da Confedelizia in merito alle critiche sulla nascita della nuova tassa. «Siamo in presenza di una rivoluzione copernicana, perché il nuovo tributo non sarà più calcolato con riferimento alla proprietà ma, bensì, sui servizi locali», ha dichiarato il presidente di Confedilizia Corrado Sforza Fogliani, «ogni cittadino, quindi, corrisponderà il tributo in relazione al beneficio che ritrarrà dai servizi e proporzionalmente allo stesso pur nella quantificazione che ne faranno i Comuni». I problemi maggiori, però, secondo Sforza Fogliani, nasceranno a seguito dell'introduzione della Service tax. «E' necessario capire che il federalismo competitivo, al quale la service tax apre la strada, per svilupparsi non può limitarsi ad attribuire tutto il gettito ai comuni», ha evidenziato il presidente di Confedilizia, «ma necessita anche di un vigilanza ad hoc. E' quindi necessario che la Commissione per la valutazione, la trasparenza e l'integrità delle amministrazioni pubbliche vigili sul nascente federalismo competitivo al fine di preservarne le caratteristiche».

© Riproduzione riservata

vota