Consulenza o Preventivo Gratuito

Alla camera tutti contro gli ogm

del 11/07/2013
di: di Luigi Chiarello
Alla camera tutti contro gli ogm
Tutti contro gli ogm. Oggi la camera dei deputati discuterà una mozione che ha tra i firmatari esponenti di quasi tutti i gruppi parlamentari. Obiettivo: il varo della clausola di salvaguardia per bloccare le coltivazioni di mais transgenico. La mozione era calendarizzata per ieri, a ridosso del question time del premier, Enrico Letta. Ma lo slittamento di un giorno dei lavori parlamentari ha posposto la discussione. La mozione impegna l'esecutivo a «perseguire un radicale miglioramento delle norme Ue in materia di coltivazione di sementi transgeniche e immissione in commercio di ogm». In particolare, i deputati firmatari vogliono che l'esecutivo ispiri la sua azione a cinque linee di indirizzo:

1) rigorosa applicazione del principio di precauzione in tutti i procedimenti di autorizzazione alla coltivazione o al commercio di eventi transgenici;

2) varo di un regime obbligatorio di tracciabilità per tutte le sementi e gli ogm idoneo a segnalarne la presenza in tutti gli stadi della filiera;

3) varo di un regime di etichettatura apposito;

4) varo di nuove regole generali a tutela di produttori convenzionali e biologici;

5) un'adeguata sussidiarietà, che consente agli stati, per motivazioni oggettive, di interdire temporaneamente o definitivamente ogm, in tutto il proprio territorio o parte di esso;

La camera chiede poi al governo Letta di:

- avviare subito la procedura per l'adozione della misura cautelare ex art. 34 del regolamento (Ce) n. 1829/2003, secondo quanto previsto dall'art. 54 del regolamento (Ce) n. 178/2002, e ad adottare la clausola di salvaguardia prevista dall'articolo 23 della direttiva 2001/18/Ce;

- assumere iniziative immediate in relazione all'avvenuta semina di mais gm, su tutto il territorio italiano, per evitare ogni possibile contaminazione ambientale e delle produzioni;

- prevedere, in relazione alla stagione delle semine avvenuta in gran parte del paese, l'incremento delle attività di sorveglianza sui prodotti sementieri e intervenire in presenza di sementi gm non autorizzate;

- sostenere la ricerca scientifica pubblica in materia agricola, biologica e agroalimentare «in ambiente confinato e sotto il controllo del ministero delle politiche agricole alimentari e forestali».

vota