Consulenza o Preventivo Gratuito

Niente poker live texano (almeno per ora)

del 10/07/2013
di: Dario Ferrara
Niente poker live texano (almeno per ora)
Niente poker live, almeno per ora. Resta chiuso per un po' il locale che, oltre ai pasti, offriva ai soci la possibilità di partecipare a tornei di texas hold'em, il popolarissimo poker texano. È quanto emerge dall'ordinanza 2360/13, pubblicata il 14 giugno dal Tar Lazio che conferma l'ordinanza del questore contro un circolo romano. Non trova ingresso la domanda dell'associazione culturale che chiedeva la misura cautelare della sospensione contro la misura adottata dall'amministrazione, vale a dire la sospensione dell'autorizzazione alla somministrazione di alimenti e bevande ai soli soci per venti giorni con conseguente chiusura del locale. Il punto è che, a tutt'oggi, l'attività intrapresa dal circolo capitolino resta illegittima perché l'associazione risulta priva dei requisiti indicati dalla legge comunitaria 2008, che all'articolo 24, comma 28, parla chiaro: «L'esercizio e la raccolta dei tornei di poker sportivo non a distanza sono consentiti ai soggetti titolari di concessione per l'esercizio e la raccolta di uno o più dei giochi di cui al comma 11 attraverso rete fisica nonché ai soggetti che rispettino i requisiti e le condizioni di cui al comma 15 previa autorizzazione dell'amministrazione autonoma dei monopoli di stato». Serve insomma il placet dall'Aams, che ha precisato come «l'introduzione del cosiddetto “poker live” è infatti legata alla approvazione di un regolamento che ne disciplini le modalità di svolgimento». «Doveva essere emanato entro il 31 gennaio, però è ancora fermo al ministero dell'economia», replicano gli operatori del settore. Fatto sta che per il momento contano i requisiti della legge 88/2009 e chi ne è privo rischia la chiusura se insiste a organizzare tornei di poker sportivo: i requisiti affondano le radici nel trattato istitutivo della Comunità europea. L'amministrazione, dal canto suo, ha fatto notare che « ed è in corso una riflessione sulla opportunità di introdurre questa tipologia di gioco che, per la prima volta, vedrebbe fisicamente interagire i giocatori, creando problematiche per i controlli sulla regolarità del gioco e per la prevenzione di eventuali fenomeni di riciclaggio». Spese di giudizio compensate.

vota