Consulenza o Preventivo Gratuito

La consulenza in famiglia sa di fattura falsa

del 06/07/2013
di: di Debora Alberici
La consulenza in famiglia sa di fattura falsa
Linea dura della Cassazione sulle fatture false. Infatti l'amministrazione può contestare l'inesistenza di un'operazione quando questa consista in una consulenza reciproca fa parenti e della medesima tipologia (sentenza n. 16857 del 5 luglio 2013 che accoglie il ricorso delle Entrate). I soci (imparentati) di due piccole società a base familiare avevano fatturato reciprocamente delle prestazioni per le quali era richiesto lo stesso know how. L'ufficio Iva aveva disconosciuto la detrazione, atto annullato in Ctp e Ctr. La Cassazione ribalta tutto spiegando che una volta che l'amministrazione ha contestato in modo specifico, anche mediante presunzioni semplici, i dati emergenti dalle scritture contabili del contribuente evidenziando obiettivi elementi dai quali desumere l'inattendibilità delle scritture e fatture utilizzate dal contribuente, ovvero l'inesattezza degli elementi indicati nella dichiarazione e nei relativi allegati ovvero la inesattezza delle indicazioni relative alle operazioni che danno diritto alla detrazione, spetta al contribuente (cessionario/committente) che ha portato in detrazione l'Iva fornire la prova contraria che l'apparente cedente/prestatore non è un mero soggetto (fittiziamente) interposto e che la operazione è stata «realmente» conclusa con esso, non essendo tuttavia sufficiente a tale scopo la regolarità della documentazione contabile esibita e la mera dimostrazione che la merce sia stata effettivamente consegnata o che sia stato effettivamente versato il corrispettivo, trattandosi di circostanze non concludenti, la prima in quanto insita nella stessa nozione di operazione soggettivamente inesistente, e la seconda perché relativa a un dato di fatto inidoneo di per sé a dimostrare l'estraneità alla frode. In questo caso gli elementi pro-fisco erano davvero molti: il legame di parentela fra i soci, le stesse competenze professionali e infine le fatture reciproche.
vota