Consulenza o Preventivo Gratuito

Pronti i codici tributo per finanziamenti agevolati

del 29/06/2013
di: Valerio Stroppa
Pronti i codici tributo per finanziamenti agevolati
Arrivano i codici tributo per consentire alle banche di recuperare dal fisco i finanziamenti agevolati erogati per la ricostruzione post terremoto del maggio 2012. Ad approvarli è stata ieri l'Agenzia delle entrate, con la risoluzione n. 41/E. Due gli ambiti di intervento. Il primo riguarda l'incentivo concesso dall'articolo 3-bis del dl n. 95/2012. In alternativa agli indennizzi diretti, infatti, i contribuenti di Emilia-Romagna, Lombardia e Veneto colpiti dal sisma potevano scegliere lo strumento del finanziamento agevolato. In capo al beneficiario matura un credito d'imposta pari, per ciascuna scadenza di rimborso, all'importo della rata (capitale più interessi), fruibile in F24. Per recuperare le somme dallo stato, a loro volta gli istituti di credito potranno compensare l'importo avvalendosi del nuovo codice «6840». Il secondo tema concerne l'agevolazione prevista dall'articolo 11 del dl n. 174/2012. A favore dei soggetti danneggiati dal terremoto è ammessa la concessione di un finanziamento assistito dalla garanzia statale per il versamento di tasse, contributi e premi assicurativi. Gli interessi e le spese di gestione sono corrisposti dalle casse pubbliche alle banche tramite credito d'imposta. Per consentire l'utilizzo del bonus in F24 l'Agenzia ha quindi istituito il codice tributo «6841». Entrambi i codici dovranno essere esposti nella «Sezione erario», nella colonna «Importi a credito compensati». Andrà inoltre indicato l'anno cui si riferiscono la rata di rimborso del finanziamento (primo caso) o gli interessi (secondo caso).

vota