Consulenza o Preventivo Gratuito

Commercialisti, sindacati preoccupati per l'Irdcec

del 15/05/2013
di: La Redazione
Commercialisti, sindacati preoccupati per l'Irdcec
Si riavvii l'attività dell'Istituto di ricerca dei dottori commercialisti e degli esperti contabili (Irdcec). È più che un'esortazione quella contenuta in una lettera che le sette Associazioni nazionali dei commercialisti (Adc, Aidc, Anc, Andoc, Unagraco, Ungdcec, Unico) riunite in un coordinamento unitario, hanno inviato ieri al Commissario straordinario del Cndcec Giancarlo Laurini in merito alla sospensione delle attività dell'istituto di categoria. Nella missiva, infatti, le sigle sindacali hanno espresso preoccupazione nei confronti della situazione di stallo nella quale versa attualmente l'Istituto di ricerca di riferimento per i commercialisti, portando all'attenzione di Laurini tutte le conseguenze che l'improvvisa interruzione dell'attività dell'Istituto, dovuta alla mancata erogazione del contributo annuale da parte del Consiglio nazionale, «determina a scapito non solamente della struttura composta da ricercatori qualificati che operano all'interno, ma soprattutto dei migliaia di colleghi che si avvalgono degli strumenti che l'istituto stesso, dalla sua costituzione, fornisce loro, e dei singoli cittadini contribuenti». E nella lettera, le associazioni indicano in qualche modo anche la strada da seguire: per il contributo annuale previsto, postato nel bilancio preventivo 2013, già oggetto di approvazione, «l'erogazione si può ragionevolmente ricondurre nell'ambito dell'ordinaria amministrazione, con un atto che permetterebbe di superare questa difficile condizione». Nel sottolineare l'importanza del ruolo svolto dall'Istituto, che costituisce un consolidato punto di riferimento tecnico e scientifico per i professionisti economici e anche per i cittadini, le associazioni hanno fatto appello alla sensibilità del commissario straordinario affinché sia individuata rapidamente «una soluzione in grado di sanare un problema le cui conseguenze investono l'intera categoria».
vota