Consulenza o Preventivo Gratuito

Videosorveglianza comunale con telecamere intelligenti

del 20/04/2013
di: Antonio Ciccia
Videosorveglianza comunale con telecamere intelligenti
Sì alla videosorveglianza comunale anti-vandali con telecamere intelligenti. Il Garante della privacy, con il provvedimento n. 136 del 21 marzo 2013, ha dato il via libera al comune di Bergamo che ha predisposto un sistema di controllo di monumenti e sedi istituzionali.

Prima di installare il sistema, il comune ha chiesto la verifica preliminare al garante a causa della particolare tecnologia usata: gli apparati, con inquadratura fissa, al verificarsi di un evento critico, intercettato dal sistema, fanno scattare sul monitor della postazione di controllo un allarme ottico/acustico e vengono rese visibili le informazioni dettagliate dell'evento.

La registrazione si avvia in caso impegno e permanenza prolungata da parte di un soggetto, per oltre 30 secondi, nell'area adiacente i siti monumentali, e per oltre 60 secondi, per quella in prossimità delle sedi istituzionali.

Nella sua decisione, il Garante ha osservato che il sistema, per le sue caratteristiche, non comporta in concreto un pregiudizio rilevante per i diritti e le libertà fondamentali dei cittadini, in quanto, nel rilevare la presenza prolungata degli interessati nell'area adiacente i monumenti e le sedi istituzionali, ha come unico effetto quello di richiamare l'attenzione dell'operatore di polizia addetto alla centrale operativa, al fine di favorire un tempestivo intervento.

Per la piena legittimità dell'intervento l'Autorità Garante della privacy ha, però, imposto al comune di apporre avvisi chiari sulle modalità di funzionamento del sistema: l'informativa deve evidenziare chiaramente che il sistema di videosorveglianza rileva e segnala la presenza prolungata nelle aree in prossimità delle sedi e degli edifici selezionati.

Il Garante della privacy ha infine richiamato l'attenzione del comune sulle misure di sicurezza da adottare, al fine di consentire, in particolare, la verifica delle attività sugli accessi alle immagini o sul controllo dei sistemi di ripresa. Altro richiamo è stato quello relativo alla necessità di rispettare i tempi limitati di conservazione delle immagini registrate.

vota