Consulenza o Preventivo Gratuito

Falsificazione monetaria in calo nel 2012

del 13/04/2013
di: Beatrice Migliorini
Falsificazione monetaria in calo nel 2012
In diminuzione il livello di contraffazione di banconote e monete. Rispetto al 2011, il trend di ritiri e sequestri registra un calo del 39%. A contribuire in misura maggiore la diminuzione del 77% della contraffazione di monete, a cui si affianca la diminuzione del 19% di banconote. Questo quanto emerge dal rapporto statistico sulla contraffazione nel 2012, svolto dal ministero dell'economia e delle finanze. Per quanto riguarda i sequestri di banconote, il taglio da 20 euro da solo, rappresenta il 48,6% del totale delle banconote contraffatte. Subito dopo i tagli da 50 e 100 euro, sono stati i più gettonati. Complessivamente infatti contribuiscono per un altro 40%. Il rapporto del Ministero, ha evidenzia anche la situazione dal punto di vista territoriale. Dall'analisi svolta infatti, emerge che tutto il nord Italia risulta essere la zona in cui è maggiormente diffuso il fenomeno della falsificazione. Copre infatti il 57% delle falsificazioni nazionali. A seguire, il centro Italia con che conta il 23% delle contraffazioni. Fanalini di coda, il sud, con il 14% e le isole con il 6%. Oltre alla diffusione della contraffazione di banconote su scala nazionale, il rapporto stilato dal ministero, analizza anche la situazione europea. Nella classifica dei paesi dove la falsificazione di banconote è più in auge, l'Italia è al primo posto, con un totale di 16.537 banconote ritirate, seguita a ruota dalla Germania con 13.179 unità sequestrate. Al terzo posto del podio, la Spagna con 8.987 ritiri all'attivo. Cifre diverse invece per le monete. Su un totale di 10.149 unità sequestrate nel 2012, 5.280 sono monete da 1 euro, rappresentando quindi il 52% del totale. Subito a seguire il conio da 2 euro, che corrisponde invece al 25% delle monete contraffate. Diversa anche la situazione dal punto di vista geografico. Le monete infatti, sono contraffate per il 59% nel centro Italia, mentre il nord copre poco più del 30%.

© Riproduzione riservata

vota