Consulenza o Preventivo Gratuito

Il garante della privacy attacca: Google sotto esame

del 03/04/2013
di: di Antonio Ciccia
Il garante della privacy attacca: Google sotto esame
Garante della privacy contro Google. L'offensiva a tutela della riservatezza coinvolge anche i garanti europei, che tengono sott'occhio anche Skype e il mondo dei social network. Quanto al motore di ricerca più diffuso, il garante italiano ha aperto formalmente un'istruttoria. L'indagine mira a verificare se i trattamenti di dati effettuati da Google rispettano la legge italiana. La verifica riguarderà l'osservanza dei principi di pertinenza, necessità e non eccedenza dei dati trattati. Ancora gli ispettori del garante italiano verificheranno se Google dà l'informativa prevista dal codice della privacy e se raccoglie il consenso al trattamento dei dati. In prima linea ci sono anche i garanti di Francia, Germania, Regno Unito, Paesi Bassi e Spagna.

Le accuse rivolte a Google sono molte. In primo luogo, quella di non fornire sufficienti informazioni agli utenti, in particolare rispetto alle finalità e alle categorie di dati oggetto di trattamento. Dunque l'utente di Google non è in grado di stabilire quali categorie di dati siano trattate per il servizio di cui sta usufruendo, e per quali scopi tali dati siano trattati. Così Google combina qualsiasi dato tratto da qualsiasi servizio per qualsivoglia finalità e senza un'idonea base giuridica. In proposito Google non raccoglie il consenso inequivocabile dell'utente e non esiste alcun fondamento contrattuale a giustificazione delle operazioni di combinazione.

In sostanza Google esercita il potere di raccogliere grandi quantità di dati personali sugli utenti internet, senza dimostrare che tale raccolta sia proporzionata agli scopi del trattamento. Inoltre Google non ha posto alcun limite alle possibili combinazioni di dati né ha fornito strumenti generalizzati e di facile impiego che consentano agli utenti di mantenere il controllo su tali operazioni di trattamento.

Infine, Google non ha mai indicato il periodo di conservazione dei dati personali oggetto di trattamento.

vota  
SULLO STESSO ARGOMENTO
Privacy: lo stato di salute non può andare online

del 24/01/2013

Vietato mettere online informazioni sullo stato di salute, patologie o handicap di una persona. Il d...

Da Skype si può uscire ma si lascia comunque traccia

del 07/02/2013

Via d'uscita (quasi) da Skype. Ma non ancora definitiva. Il profilo (account) potrà essere bloccato,...

Da Skype si può uscire ma si lascia comunque traccia

del 07/02/2013

Via d'uscita (quasi) da Skype. Ma non ancora definitiva. Il profilo (account) potrà essere bloccato,...