Consulenza o Preventivo Gratuito

Rimborsi pazzi per l'Irap 2009 a singhiozzo

del 08/03/2013
di: di Cristina Bartelli
Rimborsi pazzi per l'Irap 2009 a singhiozzo
Rimborsi Irap 2009 pazzi. A singhiozzo, solo per le persone fisiche e con importi parziali. Il tutto senza una adeguata comunicazione da parte dell'Agenzia delle entrate. Una prima tranche di rimborsi richiesti nel 2009 per gli anni di imposta dal 2004 al 2007 sono stati inizialmente recapitati a dicembre (si veda ItaliaOggi del 5/1/2013) poi lo stop e, a quanto pare, la promessa, informale da parte di alcuni uffici territoriali dell'Agenzia delle entrate, che riprenderanno a partire da marzo. Sono questi i contenuti di segnalazioni che sono arrivate a ItaliaOggi da professionisti e associazioni di imprese. La situazione di disagio è stata evidenziata anche dall'Unione nazionale giovani dottori commercialisti ed esperti contabili (Ungdcec) che ieri ha inviato una nota sui «ritardi e difetti incresciosi nonostante la telematica». E come se non bastasse accanto alla situazione dei rimborsi richiesti nel 2009 c'è quella dei rimborsi chiesti nel corso del 2012 per gli anni 2007-2011, campagna ancora in corso, che chiuderà le operazioni il prossimo 15 marzo con il click day regionale della lombardia. Nella nota l'Ungdcec rivolge un appello direttamente alla direzione centrale dei servizi per i contribuenti dell'Agenzia delle entrate: «Affinché», scrivono i giovani commercialisti, «vengano diffuse rapidamente ai contribuenti istanti, notizie sullo stato dell'arte delle istanze di rimborso Ires/Irpef, inviate telematicamente nel novembre 2009, tre anni e più or sono, per la deduzione forfettaria del 10% dell'Irap versata negli anni dal 2004 al 2007». I casi segnalati dall'unione dei giovani dottori commercialisti sono accomunati ad altre segnalazioni di professionisti arrivate a ItaliaOggi. I primi rimborsi sono stati recapitati alle persone fisiche e alle ditte individuali mentre ancora attendono le società di capitali. Un problema non di poco conto è però che le somme arrivate, tramite vaglia postale o accrediti bancari, spesso non corrispondevano a quelle originariamente richieste ma senza alcuna informativa sulla motivazione del calcolo. Come il caso di un imprenditore Veneto, due società praticamente gemelle a una il rimborso è stato saldato completamente all'altra di un tot gliene è stato restituito una parte. Qualcuno la spiegazione se l'è data da solo: forse non c'erano abbastanza fondi. Maria Teresa Morelli delegata fiscale dell'Ungdcec ha provato a rivolgersi agli enti territoriali: «Mi hanno rassicurato dicendo che le erogazioni avrebbero ripreso a marzo ma le pratiche se si vuole sapere di più sono gestite a livello centrale, anche se noi chiediamo che a fronte di tutta la telematica richiesta agli intermediari si poteva offrire una comunicazione per motivare le somme e i tempi ». La conferma del disservizio arriva anche da Claudio Carpentieri, responsabile fiscale della Cna: «Anche le nostre strutture sul territorio lamentano ritardi nell'erogazione dei rimborsi connessi alla deducibilità dell'Irap. Stiamo facendo degli approfondimenti proprio in questi giorni per capire nel dettaglio le motivazioni. Da una prima valutazione sembra, tuttavia», ribadisce Carpentieri, «che i ritardi sono dovuti a problemi nell'erogazione dei fondi e non tanto a lungaggini burocratiche legate ai ritardi nelle analisi dei rimborsi. È vero, infatti, che esistono molte erogazioni parziali legate all'insufficienza dei fondi». E per i professionisti sulla vicenda rimborsi Irap oltre il danno in un certo senso la beffa. In queste settimane (il click day 2013 è partito i primi di gennaio) infatti hanno battuto a tappeto i propri clienti per proporre di presentare la nuova istanza di rimborso per gli anni 2007-2011. Spesso però si sono sentiti rispondere picche da scoraggiati imprenditori che chiedono conto del precedente rimborso ancora inevaso. Per le imprese infatti chiedere l'istanza spesso rappresenta solo un costo. Il pagamento in alcuni casi per il professionista è anticipato, in altri solo a rimborso avvenuto.

© Riproduzione riservata

vota