Consulenza o Preventivo Gratuito

Dopo l'avvio in rete due mesi di tempo per le richieste

del 19/01/2013
di: Valerio Stroppa
Dopo l'avvio in rete due mesi di tempo per le richieste
Sono partite ieri dalle Marche le prime istanze di rimborso delle maggiori imposte dirette pagate negli anni passati per effetto della mancata deduzione dell'Irap relativa al costo del lavoro (ex articolo 2 del dl n. 201/2011). Alle ore 12 l'Agenzia delle entrate ha aperto il canale telematico per la ricezione delle domande. Nessuna segnalazione di particolari disservizi, anche perché il calendario scaglionato degli invii sembra aver ormai superato quegli inconvenienti registrati in passato nei «click day» nazionali. Si ricorda che l'area geografica di appartenenza va determinata in base al domicilio fiscale indicato nell'ultima dichiarazione dei redditi. La procedura di spedizione delle istanze di rimborso dell'Irpef/Ires andrà avanti per almeno due mesi, per chiudersi il 15 marzo con i contribuenti delle province di Brescia, Cremona e Mantova. Previsti comunque 60 giorni «cuscinetto» per presentare le istanze relative a somme per le quali il termine ordinario di decadenza di 48 mesi (purché pendente alla data del 28 dicembre 2011) cade entro il 60° giorno successivo alla data di attivazione del canale telematico. Gli invii riprenderanno lunedì, sempre alle ore 12, in Molise, Abruzzo, Calabria e Basilicata.

Agevolazioni Bolzano. Irap azzerata per chi investe in provincia di Bolzano. L'incentivo è stato deliberato dalla giunta della provincia autonoma e spetterà per i primi cinque anni di vita del nuovo insediamento produttivo. Non solo. Il pacchetto di misure per il rilancio dell'economia prevede anche lo stanziamento di 22 milioni di euro a favore della ricerca tecnologica. I fondi saranno utilizzati per la realizzazione di laboratori e attrezzature, ma anche per l'assunzione di personale nel parco tecnologico attualmente in costruzione alle porte del capoluogo bolzanino.

vota