Consulenza o Preventivo Gratuito

Dall'Italia non si esce con la targa teutonica temporanea

del 15/01/2013
di: Stefano Manzelli
Dall'Italia non si esce con la targa teutonica temporanea
Chi acquista in Italia un veicolo radiato da portare in Germania deve munirsi di una targa provvisoria nazionale e di un foglio di via rilasciato dalla motorizzazione. Non basta quindi radiare il veicolo e acquistare su internet targhe temporanee tedesche per essere in regola. Lo ha messo nero su bianco una nota congiunta del ministero dei trasporti e dell'interno datata 11 gennaio 2013. Alcuni commercianti Italiani che rivendono abitualmente i propri mezzi in Europa sono incorsi ripetutamente nei guai per aver messo in strada, in direzione del Brennero, auto radiate dai pubblici registri nazionali munite di nuove targhe temporanee tedesche in corso di validità. In buona sostanza a parere dei severi organi di vigilanza stradale questa circolazione non è regolare. In particolare una vecchia istruzione ministeriale disporrebbe la regolarità della circolazione dei veicoli provenienti dalla Germania verso l'Italia, muniti di targa temporanea tedesca ma non viceversa. Recentemente questa indicazione è stata contraddetta da alcune pronunce giurisprudenziali orientate a riconoscere la validità nazionale della comunicazione interpretativa della commissione europea sulle procedure per l'immatricolazione degli autoveicoli originari in un altro stato membro, n. 2007/C 68/04, pubblicata sulla Guce del 24 marzo 2007. In buona sostanza la commissione evidenzia che in caso di trasferimento di un autoveicolo in un altro stato membro, ogni stato deve accettare l'uso sul proprio territorio di targhe e certificati rilasciati dallo stato membro di destinazione. Per chiarire la delicata questione si è quindi reso necessario una nuova indicazione ministeriale congiunta. Sulla base della nota diplomatica 22 ottobre 1993 i veicoli immatricolati in Germania possono circolare in prova anche in Italia con le targhe temporanee tedesche. Queste targhe però non permettono la circolazione in Italia di mezzi già immatricolati e ormai radiati dalla circolazione. In questo caso per uscire regolarmente dal territorio nazionale non resta che munire il mezzo di un foglio di via e di una targa provvisoria rilasciata dalla motorizzazione ai sensi dell'art. 99 del codice stradale.

® Riproduzione riservata

vota