Consulenza o Preventivo Gratuito

Le stazioni appaltanti dovranno iscriversi all'Anagrafe

del 28/12/2012
di: La Redazione
Le stazioni appaltanti dovranno iscriversi all'Anagrafe
Le stazioni appaltanti dovranno iscriversi all'anagrafe unica istituita presso la Banca dati dei contratti pubblici, gestita dall'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici, che dovrebbe essere attivata entro il 1° gennaio 2013; in caso di inadempimento dell'obbligo di iscrizione scatta la nullità degli atti e la responsabilità amministrativa e contabile del funzionario responsabile. È questa una delle principali novità contenuta nel testo del decreto legge 179 convertito, presentato dal governo e sul quale l'aula del senato ha votato ieri la fiducia. Si tratta di una assolta novità l'istituzione presso l'Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture dell'anagrafe unica delle stazioni appaltanti alla quale obbligatoriamente ogni stazione appaltante dovrà iscriversi. La norma precisa infatti che le stazioni appaltanti di contratti pubblici di lavori, servizi e forniture saranno tenute a richiedere l'iscrizione all'anagrafe unica presso la banca dati nazionale dei Contratti pubblici istituita ai sensi dell'articolo 52-bis del codice dell'amministrazione digitale di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82. In sostanza ciò significa che prima dovrà essere attiva la banca dati nazionale dei contratti pubblici (che dovrebbe partire il 1° gennaio 2013, quanto meno per gli affidamenti di rilievo superiore alla soglia comunitaria, stando ad alcune indiscrezioni filtrate nelle ultime settimane) e poi le amministrazioni potranno iscriversi. Sarà l'Autorità di vigilanza presieduta da Sergio Santoro a dettare, poi, con una propria delibera, le modalità operative e di funzionamento della anagrafe. Gli obblighi per le amministrazioni non si esauriscono però nella mera iscrizione all'anagrafe, perché esse dovranno anche procedere, ogni anno, all'aggiornamento dei rispettivi dati identificativi. L'inadempimento di questi obblighi è previsto che dia luogo alla nullità degli atti adottati e alla responsabilità amministrativa e contabile dei funzionari responsabili.
vota