Consulenza o Preventivo Gratuito

Tirocini, nessuna proroga per la precedente disciplina

del 20/12/2012
di: La Redazione
Tirocini, nessuna proroga per la precedente disciplina
Non arriverà nessuna circolare «per prolungare la precedente normativa, che non prevedeva alcun riconoscimento di compenso» ai tirocinanti. «Confido ancora possano essere emanate le linee guida», mediante un accordo fra governo e regioni. Parola del ministro del welfare Elsa Fornero che non ci sta, pur essendo la XVI legislatura oramai agli sgoccioli, a rinunciare a un capitolo importante della sua riforma del lavoro (legge 92/2012) che stabilisce l'adozione (entro 180 giorni a partire dall'entrata in vigore della disciplina, il 18 luglio scorso, ndr) di un testo condiviso con cui evitare un abuso di stage e percorsi formativi nel nostro paese e, soprattutto, che fissa la corresponsione di «una congrua indennità, anche in forma forfettaria, in relazione alla prestazione svolta». E, alla vigilia della Conferenza delle regioni che si terrà oggi, dichiara fermamente di volere che «parta la nuova normativa. Non farò nessuna circolare, fino a quando non avrò la prova provata che non siamo riusciti a licenziare questo documento in modo che i tirocini siano nuovi», ovvero rivisitati. «Spero si possa giungere ad una decisione nel corso dell'incontro con le regioni. È uno dei punti su cui sto concretamente lavorando» perché, conclude Fornero, se nella prima parte del mandato ministeriale «mi sono occupata di piani di riforma, in questa seconda sono contenta di operare su progetti», siano anche «di carattere microeconomico».

vota