Consulenza o Preventivo Gratuito

Parcelle avvocati, intesa con il Comune di Roma

del 05/12/2012
di: Filippo Grossi
Parcelle avvocati, intesa con il Comune di Roma
Via libera all'attuazione del protocollo d'intesa tra gli avvocati romani e il Comune di Roma per la liquidazione delle spese di lite e di competenze legali relative alle sentenza pubblicate prima del 28 aprile 2008 nonché agli atti di precetto e ai pignoramenti antecedenti al 4 luglio 2008. L'accordo è stato siglato mercoledì 14 novembre di concerto tra il Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Roma e il Comune di Roma, rappresentato dal sindaco Gianni Alemanno. Con l'attuazione del protocollo d'intesa, gli avvocati capitolini potranno finalmente ottenere dall'amministrazione della Capitale i propri crediti e le spese legali ad essi riconosciute in sentenza, almeno fino alle date del 28 aprile e del 4 luglio del 2008. Il protocollo, in particolare, prevede che il Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Roma raccolga e verifichi le relative documentazioni trasmettendole poi ai competenti Uffici capitolini per l'avvio della procedura di liquidazione. In questa direzione, gli avvocati romani interessati a riscuotere i propri crediti legali potranno prendere appuntamento telefonico con la segreteria dell'Ordine per il deposito della documentazione richiesta al fine di procedere alla riscossione dei crediti succitati. Tra gli adempimenti richiesti ai legali romani, in particolare, vi sono: la consegna dell'originale o della copia autentica più una fotocopia della sentenza in forma esecutiva, dell'atto di precetto, dell'ordinanza di improcedibilità del pignoramento presso terzi o dell'atto di pignoramento, delle dichiarazioni, del modulo di deposito documenti e, infine, della specifica dei conteggi. I suddetti atti e documenti saranno poi consegnati all'Avvocatura di Roma Capitale o all'Ufficio contravvenzioni in base all'oggetto della sentenza. Successivamente, sarà emessa una determinazione dirigenziale comunale, con apposizione del visto dell'Avvocatura e del Segretariato. Infine, saranno consegnati al commissario governativo che provvederà al pagamento nella misura del 90% dell'importo riconosciuto. Tale importo sarà rimesso al Consiglio dell'Ordine degli avvocati di Roma che provvederà a bonificarlo sul conto corrente indicato dall'avvocato, il quale, solo a pagamento ricevuto, emetterà la relativa fattura.

vota