Consulenza o Preventivo Gratuito

Niente rettifica dell'Iva per demolizione edifici

del 30/11/2012
di: di Franco Ricca
Niente rettifica dell'Iva per demolizione edifici
L'impresa che, nel quadro di un'attività economica, acquista un terreno con sovrastanti fabbricati da demolire allo scopo di realizzarvi nuove costruzioni, ha diritto alla detrazione dell'Iva relativa all'acquisto e non è tenuta a rettificare la detrazione a seguito della demolizione degli edifici preesistenti. Questo, in sintesi, è quanto ha statuito la Corte di giustizia Ue nella sentenza 29 novembre 2012, causa C-257/11. Il procedimento era stato promosso dai giudici rumeni nell'ambito di una controversia promossa da una società alla quale l'amministrazione finanziaria aveva notificato un accertamento Iva. La società aveva chiesto il rimborso dell'imposta pagata per l'acquisto di un terreno con sovrastanti fabbricati destinati alla demolizione, al fine di realizzarvi un complesso residenziale. L'amministrazione, però, in seguito a un'ispezione, aveva notificato l'accertamento sul presupposto che la demolizione dei fabbricati rendesse obbligatoria una rettifica dell'Iva che la società aveva detratto.

In questo contesto, la Corte d'appello di Bucarest decideva di sospendere il procedimento e di chiedere alla corte di giustizia Ue se, in base alla normativa comunitaria sull'Iva, l'acquisto di fabbricati destinati a demolizione e del terreno, effettuato da un soggetto passivo per realizzare un complesso residenziale, possa rappresentare un'attività preparatoria che conferisce il diritto alla detrazione dell'Iva relativa a detto acquisto, e se la demolizione dei vecchi fabbricati, effettuata per realizzare le nuove costruzioni, comporti l'obbligo di rettificare la detrazione dell'Iva relativa all'acquisto.

Sulla prima questione, dopo avere inquadrato la disciplina del diritto alla detrazione, la Corte ricorda che, secondo la propria giurisprudenza, chiunque effettui spese di investimento con l'intenzione, confermata da elementi oggettivi, di esercitare un'attività economica, deve essere considerato un soggetto passivo e, agendo in quanto tale, ha diritto di detrarre immediatamente l'Iva dovuta o assolta sulle spese di investimento sostenute in vista delle operazioni che intende effettuare e che danno diritto alla detrazione.

Ricorda, ancora, che è l'acquisto di beni da parte di un soggetto passivo che agisce in quanto tale a determinare il diritto alla detrazione, mentre l'impiego del bene o del servizio, reale o previsto, determina solo l'entità della detrazione iniziale e delle eventuali rettifiche durante i periodi successivi, qualora si verifichino le condizioni previste per tali rettifiche.

Nel caso di specie, l'acquisto da parte della società del terreno e dei fabbricati costituisce un'attività preparatoria volta, come attestato dal rilascio del permesso di costruire, alla realizzazione di un complesso residenziale, per cui la società agisce in veste di soggetto passivo; quanto alla condizione che i beni acquistati siano impiegati a fini di operazioni imponibili, risulta che la società ha manifestato l'intenzione di demolire i fabbricati per procedere alla realizzazione di un complesso residenziale, confermata da elementi obiettivi poiché, al momento dell'acquisto dei fabbricati, la società era in possesso del permesso di demolizione e, ancor prima della dichiarazione Iva, aveva eseguito i lavori di demolizione e avviato l'iter per ottenere un permesso di costruire sul terreno in questione. L'acquisto degli immobili e la successiva demolizione possono essere pertanto considerati come una sequenza di operazioni legate tra loro, sicché spetta il diritto alla detrazione.

vota