Consulenza o Preventivo Gratuito

Nuova convocazione dell'assemblea elettorale

del 28/11/2012
di: La Redazione
Nuova convocazione dell'assemblea elettorale
Nuova convocazione elettorale per gli iscritti all'Albo dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma, Circoscrizione dei Tribunali di Roma e Velletri, per l'elezione del Presidente e di nove Consiglieri, in rappresentanza dei Dottori commercialisti, e del Vice Presidente e quattro Consiglieri, in rappresentanza dei Ragionieri commercialisti, per il periodo dal 01/01/2013 al 31/12/2016. Gli iscritti sono chiamati alle urne anche per l'elezione del Collegio dei Revisori dell'Ordine di Roma, composto da tre membri effettivi e due supplenti, sempre per il quadriennio 2013 - 2016.

Il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, per effetto della decisione assunta nella seduta del 7 novembre 2012, ha stabilito il rinvio della data dell'assemblea elettorale dell'Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Roma, che viene nuovamente convocata per i giorni 20 dicembre 2012 - dalle ore 9.00 alle ore 18.00 - e 21 dicembre 2012 - dalle ore 9.00 alle ore 16.00 - presso la sede dell'Ordine in Roma (Piazzale delle Belle Arti n.2). È ammesso il voto “per corrispondenza”, da esercitarsi esclusivamente presso la sede dell'Ordine, nelle mani del Segretario dell'Ordine, nei giorni 5, 6, 7, 10, 11, 12, 14, 15, 17, 19 dicembre 2012 - dalle ore 9.00 alle ore 16.00 - e nei giorni 13 e 18 dicembre 2012 - dalle ore 15.00 alle ore 21.00 (ai sensi dell'art. 14 Regolamento elettorale approvato dal Ministero della Giustizia in data 7 agosto 2012).

Per effetto del provvedimento di rinvio del Consiglio Nazionale tutte le operazioni elettorali successive alla data del 24 ottobre u.s. già svolte, ivi incluse le votazioni «per corrispondenza» sono state annullate.

Per la necessaria chiarezza verso gli iscritti, si riassume brevemente quanto accaduto nelle scorse settimane. Nell'informativa n.71/12, rinvenibile sul sito www.cndcec.it, il Consiglio Nazionale ha invitato tutti gli Ordini territoriali a consultare il sito per le risposte a eventuali quesiti in materia elettorale; nella risposta al quesito n.1 del 18 ottobre 2012 il Consiglio Nazionale ha affermato: “I commi 10 e 11 dell'art. 64, D.Lgs. 28 giugno 2005, n.139 disciplinano la composizione delle liste per l'elezione della componente dottori commercialisti di quella ragionieri commercialisti in seno al Consiglio dell'Ordine. Le norme citate fissano espressamente il numero dei candidati che le liste devono presentare. Pertanto, si ritiene che le liste composte da un numero maggiore o inferiore di candidati rispetto a quello previsto dai commi10 e 11 dell'articolo 64, D.Lgs.139/2012 siano formate in evidente violazione di legge e che pertanto devono essere escluse dalla competizione elettorale.”. il Consiglio dell'Ordine con la delibera del 24 ottobre 2012, ha proceduto all'esclusione della lista n. 2 Ragionieri, tenuto conto: dell'interpretazione letterale degli artt. 9, comma 5, 21 comma 5 e 64 commi 10 e 11 del D.Lgs n.139/2005; delle disposizioni contenute nel Regolamento elettorale predisposto dal Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili, approvato dal Ministero della Giustizia in data 7 agosto 2012, con particolare riferimento agli artt. 5, comma 2, 6 e 9; delle risposte pubblicate dal medesimo Consiglio Nazionale ai quesiti degli Ordini territoriali, ai quali si rimandava nella sua informativa n. 71/2012 per la soluzione di eventuali problemi interpretativi in materia elettorale; in particolare, alla citata risposta n. 1 del 18 ottobre 2012; dei pareri resi al Consiglio dell'Ordine di Roma da tre distinti studi legali.

Il 7 novembre u.s., con riferimento al ricorso presentato dalla lista n.2 Ragionieri, il Consiglio Nazionale, modificando il proprio precedente orientamento, disponeva che la predetta lista dovesse essere ammessa con l'esclusione della candidata (priva dell'anzianità necessaria per l'elettorato passivo) Antonella Cimino e, pertanto, ammetteva una lista con un numero di candidati inferiore a quelli previsti dai commi 10 e 11 dell'art.64 del dlgs 139/2005.

vota