Consulenza o Preventivo Gratuito

Vertici preoccupati per l'impasse sulla nuova revisione

del 26/10/2012
di: La Redazione
Vertici preoccupati per l'impasse sulla  nuova revisione
Massima attenzione per l'evolversi della vicenda del registro da parte dei vertici dell'Inrl che, come annota lo stesso presidente dell'Istituto Virgilio Baresi, «esprimono una seria preoccupazione per l'impasse che si è prodotta e che diffonde incertezza tra i revisori, soprattutto alla luce delle dimissioni dell'a.d. della società di gestione del registro che perde così un altro pezzo… Nulla si può certo imputare al Mef e da parte nostra non può che esservi l'auspicio per una rapida e serena soluzione».

Intanto proprio in questi giorni sono state definite le tematiche da dibattere nelle tre commissioni che lavoreranno a Matera, in occasione del Forum internazionale (30 novembre-1 dicembre), presiedute dal segretario nazionale Gianluigi Bertolli, dal vicepresidente dell'Istituto Gaetano R. Carnessale, dal vicesegretario nazionale Stefano Mandolesi e coordinate da Giovanni Cinque, consulente legale dell'Inrl. Verranno analizzati il ruolo e l'attività del revisore legale alla luce della normativa recata dai decreti attuativi, la funzione del revisore legale e la sua fisionomia professionale, con tutti gli aspetti differenziali rispetto alle altre categoria professionali e le peculiarità della disciplina recata dalla direttiva europea, dalla legge comunitaria, con le implicazioni sulle responsabilità del revisore.

«Quello di Matera», sottolinea Baresi, «sarà il primo rilevante confronto sui decreti attuativi varati e vale la pena evidenziare la tempestività con la quale l'Istituto fornirà una esaustiva analisi di tutta la materia della nuova revisione legale, indispensabile dal prossimo 1 gennaio 2013, per svolgere correttamente la professione. A distanza di un anno dal congresso tenutosi a Bruxelles presso il Parlamento europeo, non deve sfuggire il valore della scelta di questa importante località del sud Italia che rappresenta un'area europea di cruciale importanza per il rilancio del grande tema del risanamento economico del paese».

A tal proposito, anche gli altri regolamenti varati il 18 ottobre scorso, e che attengono alla composizione della Commissione centrale (componenti, durata dell'incarico e compiti) e alle modalità di pagamento dei contributi di competenza al Mef e di quelli annuali a carico degli iscritti, saranno oggetto di un approfondimento assai utile per tutti i revisori legali.

Confermate, poi, le presenze a Matera di importanti referenti istituzionali tra le quali spicca quella del presidente vicario del Parlamento europeo, Gianni Pittella, del direttore della Commissione europea del mercato interno, Ugo Bassi, che opera quotidianamente con il commissario Ue Michel Barnier e del presidente di Tela, l'Associazione dei direttori regionali dell'Ispettorato del lavoro in Italia e in Europa. «Sarà quindi», annota Baresi, «un momento di profonda riflessione sui temi del lavoro legati alla libera professione del revisore legale».

E sempre nel corso del forum in Basilicata, verrà siglato il primo contratto collettivo nazionale di lavoro per tutti i revisori, con valenza italiana e applicazione nel resto dell'Europa.

In merito, infine, alla verifica antimafia per i revisori, prevista dal decreto correttivo del codice del 2011, e di imminente approvazione da parte del consiglio dei ministri, il presidente dell'Inrl commenta che «si tratta di una delle prerogative dello stato alle quali ci atteniamo come abbiamo sempre fatto nei riguardi di qualsiasi dispositivo di legge. Così come, sempre a proposito della nuova revisione legale, chiediamo semplicemente il rispetto di quanto dettato dalla legge».

vota