Consulenza o Preventivo Gratuito

Edotori: in Inghilterra Amazon fa la cresta sulla Vat

del 23/10/2012
di: Tancredi Cerne
Edotori: in Inghilterra Amazon fa la cresta sulla Vat
Amazon fa la cresta sull'Iva. Almeno nel Regno Unito dove gli editori interessati a vendere i propri libri sul portale di e-commerce più famoso al mondo sono tenuti a sostenere uno «sconto» sul valore di carico pari al 17% del prezzo di vendita. E questo, come conseguenza del fatto che, nonostante il portale Amazon Uk abbia sede legale nel Lussemburgo e come tale sia tenuto al versamento di un'imposta sul valore aggiunto pari al 3%, la società richieda agli editori di negoziare il valore dei titoli al netto di un'Iva (Vat) con aliquota al 20%. La denuncia pubblicata dagli editori britannici sulle pagine del quotidiano inglese The Guardian, si riferisce esclusivamente alle vendite di ebook ovvero di libri digitali per cui Amazon rappresenta il punto di riferimento del mercato locale con una quota pari al 90% del totale delle vendite nel Regno Unito. In altre parole, ipotizzando un prezzo di partenza dell'ebook di 10 sterline, la forza contrattuale di Amazon si traduce in una richiesta all'editore di stabilire un prezzo base di contrattazione pari a 8,33 pound e non di 9,71 come sarebbe al netto di un'Iva al 3%. Con un guadagno teorico per la società di 1,38 sterline per ogni pezzo venduto. A questa base di partenza, poi, dovranno essere applicate le percentuali di sconto contrattate di volta in volta dall'editore con il portale di e-commerce che, in molti casi, si possono tradurre in sconti del 50-60% rispetto al prezzo di copertina. Ma le lamentele del popolo degli editori britannici non finiscono qui. In base alle informazioni raccolte dal Guardian, infatti, sembrerebbe che Amazon inserisca nel contratto una clausola che impegna gli editori a non consentire la vendita online dello stesso libro a un prezzo inferiore a quello praticato dal colosso di Seattle determinando, di fatto, un sistema a imbuto che induce l'acquirente finale a rivolgersi esclusivamente ad Amazon per l'acquisto del libro in quanto fornitore del prezzo più basso presente sul mercato. Un business di tutto rispetto, a seguito anche del buon andamento delle vendite del lettore elettronico di ebook, Kindle, realizzato da Amazon e destinato a catalizzare il mercato dell'editoria negli anni a venire. Non solo. Secondo l'inchiesta del Guardian, a dispetto delle grandi potenzialità del mercato degli ebook, le pressioni al ribasso sul prezzo dei libri digitali generato dalla politica aggressiva di Amazon potrebbe tradursi in una lotta per la sopravvivenza, soprattutto per gli editori di dimensioni medio-piccole, costretti a praticare prezzi all'osso pur di riuscire a resistere sul mercato britannico.

vota