Consulenza o Preventivo Gratuito

Banca e impresa nel Nordest un rapporto molto particolare

del 11/10/2012
di: di Mirko Rugolo – coordinatore regionale Ungdcec Trentino, Veneto e Friuli
Banca e impresa nel Nordest un rapporto molto particolare
Non è stata sicuramente una scelta casuale da parte dell'Unione quella di affrontare a Vicenza, nel cuore del Triveneto, a tutti noto come Nordest, il ruolo del dottore commercialista ed esperto contabile nel rapporto tra banca e impresa.

Le imprese del Nordest, a parità di dimensione e settore di attività economica, presentano un grado di indebitamento verso il sistema bancario più elevato rispetto ad altre aree del Paese, ciò in parte dovuto al tessuto imprenditoriale composto da imprese prevalentemente a struttura familiare, meno propense a modificare la compagine sociale con l'ingresso di nuovi soci.

Se in passato, questo modello imprenditoriale ha dato i suoi frutti, oggi, l'attuale crisi economico–finanziaria, ha messo in rilievo tutta la fragilità dello stesso; in particolare, l'elevato indebitamento, quando non è causa di fallimento, comprime sensibilmente la capacità di investimento delle imprese preludendone così lo sviluppo, anche solamente in termini di competitività. In questo contesto la valutazione del credito aumenta chiaramente quando l'impresa dimostra di disporre di professionalità, interne o esterne, adeguate a rappresentare la reale situazione economico-patrimoniale, a sostenere un piano d'impresa basato su assunti realistici e su linee di azione ben fondate, a monitorarne gli scostamenti ed a controllare i rischi. Considerando che la piccola e media impresa per questioni di natura economica non è in grado di ricomprendere tali professionalità all'interno del proprio organico, chi meglio del dottore commercialista può fare leva sulle proprie competenze professionali con l'obiettivo, da un lato, di assistere il cliente nella scelta degli strumenti finanziari più opportuni allo sviluppo, alla sostenibilità ed alla crescita della propria impresa e, dall'altro, di far riconoscere ed apprezzare all'istituto di credito la bontà specifica del proprio cliente?

vota