Consulenza o Preventivo Gratuito

Incentivo alle assunzioni di donne e giovani lavoratori

del 06/10/2012
di: di Daniele Cirioli
Incentivo alle assunzioni di donne e giovani lavoratori
Un premio economico ai datori di lavoro privati che assumono giovani (fino a 29 anni) e donne (di ogni età), sia a termine che a tempo indeterminato. A prevedere il bonus (fino a 12 mila euro) è il decreto interministeriale, firmato ieri dal ministro del lavoro, Elsa Fornero, che stanzia 230 milioni di euro per incentivare le assunzioni fino al prossimo 31 marzo 2013.

Premio a chi assume. Il provvedimento, spiega un comunicato diffuso ieri dal ministero del lavoro, consente di riconoscere ai datori di lavoro del settore privato incentivi in caso di assunzione, con carattere straordinario e nell'ambito delle risorse finanziarie preordinate di oltre 230 milioni di euro. È immediatamente operativo e terminerà il 31 marzo 2013, riguardando cioè i rapporti di lavoro che si attiveranno nel predetto periodo. Nello specifico, l'incentivo consiste in un contributo economico d'importo variabile in base alla tipologia di assunzione, a favore di contratti di lavoro stipulati con giovani d'età fino a 29 anni ovvero con donne indipendentemente dall'età anagrafica, comunque nel rispetto della disciplina comunitaria in tema di aiuti di stato.

Assunzioni «stabili». Il premio di assunzione è riconosciuto nell'importo di 12 mila euro in caso di trasformazione di un contratto a termine in contratto a tempo indeterminato, ovvero per ogni stabilizzazione di rapporti di lavoro nella forma di co.co.co. anche nella modalità di progetto (co.co.pro.) o delle associazioni in partecipazione con apporto di lavoro. Tali forme di stabilizzazione dovranno riferirsi a contratti di lavoro in essere ovvero cessati da non più di sei mesi, mediante stipulazione di contratti a tempo indeterminato, anche se a tempo parziale.

Assunzioni a termine. L'importo del premio di assunzione in caso di rapporti a termine dipenderà dalla durata dello stesso rapporto di lavoro. In particolare, il valore del contributo è stabilito nella misura di 3 mila euro per contratti di lavoro di durata non inferiore a 12 mesi (e fino a 18 mesi); nella misura di 4 mila euro se la durata supera i 18 mesi (e fino a 24 mesi); nella misura di 6 mila euro per i contratti aventi durata superiore a 24 mesi.

Regia all'Inps. La gestione del premio è affidata all'Inps che lo liquiderà seguendo l'ordine cronologico di invio delle domande in modalità telematiche, entro il limite delle risorse disponibili, secondo istruzioni da prevedere appositamente.

vota