Consulenza o Preventivo Gratuito

La formazione cambia pelle. Si da spazio al network

del 13/09/2012
di: La Redazione
La formazione cambia pelle. Si da spazio al network
Stop al «micro sistema dei crediti a livello provinciale». E largo alla creazione di un innovativo «network», nell'ambito del quale tutti gli ordini e i collegi potranno organizzare corsi, aperti ad ogni rappresentante delle categorie tecniche, in modo da procurare a ciascuno una preparazione «adeguata, funzionale rispetto alle occorrenze lavorative e veramente spendibile in campo sovranazionale». È la strada intrapresa dal Consiglio nazionale degli ingegneri, che punta a stilare nei prossimi mesi un regolamento sulla formazione continua obbligatoria, in vista dell'approvazione dei decreti attuativi del decreto della presidenza della repubblica 137/2012, varato dal governo ad agosto. «Abbiamo cominciato a esaminare le proposte di modifica all'interno del Pat (il coordinamento delle professioni tecniche), la prima riunione si è tenuta la scorsa settimana, con l'obiettivo di realizzare una rete che dia il giusto riferimento formativo a ogni iscritto. Un ingegnere, ad esempio, potrebbe essere così libero di rivolgersi agli architetti, qualora un loro ordine avesse predisposto un'attività formativa che considera utile alla valorizzazione delle proprie competenze», riferisce a ItaliaOggi Armando Zambrano, presidente del Cni, a margine dell'introduzione dei lavori della 57ª assise, al Palacongressi di Rimini. Ad anticipare il vincolo formativo del dpr sono stati negli anni scorsi architetti, periti industriali, periti agrari, geometri mentre gli ingegneri fanno sapere che si adegueranno a breve, pur nella consapevolezza che il percorso di aggiornamento è già insito nella professione svolta, in quanto strettamente legato alle continue innovazioni tecnologiche. Fra le finalità del progetto, conclude il vertice della categoria, c'è anche l'esigenza di «coniugare la necessità di non gravare di eccessivi costi sui nostri iscritti, in particolare sui più giovani, con quella di mettere a punto uno strumento che vada nella direzione della certificazione delle competenze».
vota