Consulenza o Preventivo Gratuito

Iva di cassa a 5 milioni: la soglia del regime speciale

del 12/09/2012
di: Franco Ricca
Iva di cassa a 5 milioni: la soglia del regime speciale
L'Iva di cassa rilancia a 5 milioni di euro: questa la soglia di fatturato entro la quale le start-up innovative potranno avvalersi del regime speciale, attualmente in rampa di lancio. La specifica agevolazione Iva prevista dalla bozza di dl in arrivo si inserisce fra le misure di favore finalizzate alla creazione e allo sviluppo di newco ad alto valore tecnologico, cosiddette start-up innovative, la cui istituzione è prevista dallo stesso provvedimento. Le società saranno destinatarie di numerose agevolazioni, fra cui, come si diceva, la possibilità di accedere al regime Iva di cassa con un limite di fatturato di 5 milioni, più che doppio rispetto alla generalità dei soggetti, per i quali il tetto è fissato a 2 milioni. Una modifica in tal senso sarebbe infatti apportata all'art. 32-bis del dl n. 83/2012, che, avvalendosi delle disposizioni della direttiva 2010/45/Ue, ha trasformato in un vero e proprio regime speciale Iva il meccanismo dell'esigibilità differita introdotto dall'art. 7 del dl n. 185/2008 per i contribuenti con fatturato annuo fino a 200 mila euro, decuplicando tra l'altro la soglia monetaria di accesso. Va ricordato che questa trasformazione non è ancora operativa, essendo necessaria l'emanazione di un decreto ministeriale che dovrà contenere le disposizioni attuative e fissare, appunto, la decorrenza.

In questo quadro, si registra ora la proposta di elevare ulteriormente il limite di fatturato per le start-up innovative. È da osservare però che la soglia di 5 milioni supera di gran lunga l'asticella prevista dalla direttiva comunitaria, che è fissata proprio all'importo di 2 milioni, ossia la cifra che è già nero su bianco, per tutti i contribuenti Iva, nell'art. 32-bis del dl 83/2012.

vota