Consulenza o Preventivo Gratuito

Risparmi di spesa a bilancio entro il 30 settembre

del 11/09/2012
di: Antonio G. Paladino
Risparmi di spesa a bilancio entro il 30 settembre
Entro il prossimo 30 settembre i risparmi di spesa per consumi intermedi conseguiti dagli enti pubblici, così come previsto dall'articolo 8 del decreto legge sulla spending review, dovranno essere riversati al bilancio dello Stato. E' quanto ricorda la circolare della Ragioneria Generale dello Stato n.28 emanata lo scorso 7 settembre, in ottemperanza alla disposizione sopra richiamata. Norma, questa, che prevede che al fine di assicurare la riduzione delle spese per consumi intermedi, i trasferimenti dal bilancio dello Stato agli enti e agli organismi anche costituiti in forma societaria, dotati di autonomia finanziaria, inseriti nel conto economico consolidato della pubblica amministrazione, nonché alle autorità indipendenti e con esclusione di regioni, enti locali, Ssn, università ed enti di ricerca, sono ridotti del 5% nel 2012 e del 10% dal 2013 della spesa sostenuta per consumi intermedi nel 2010. La circolare rileva che nel caso in cui per effetto delle operazioni di gestione, non fosse possibile operare detta riduzione, nel senso che alla data di entrata in vigore del dl 95/2012, le risorse fossero già state interamente o parzialmente trasferite agli enti ed organismi pubblici vigilati, sarà a questi ultimi che si applicherà il taglio della spesa per consumi intermedi, come previsto dal comma 3 dell'art. 3 del Dl95. Pertanto, le somme che scaturiscono dalle operazioni di riduzione, vanno versate al bilancio dello Stato entro il prossimo 30 settembre e, dal prossimo anno, entro il 30 giugno

vota