Consulenza o Preventivo Gratuito

Stanziamenti: dall'Ue 2 mln di euro per appalti verdi

del 08/09/2012
di: di Cinzia De Stefanis
Stanziamenti: dall'Ue 2 mln di euro per appalti verdi
Stanziati dalla Commissione europea 2 milioni di euro per sostenere gli appalti verdi pubblici e privati nel campo della Ecoinnovazione. Le proposte possono essere inviate entro sabato 20 ottobre 2012 alle ore 17 (orario di Bruxelles). I candidati ammessi a presentare proposte sono enti pubblici o privati con sede legale in Stati membri dell'Unione europea o in altri paesi che partecipano al programma per l'innovazione e l'imprenditorialità del Cip. Il bando è dedicato in particolare ai trasporti, alla depurazione, al riutilizzo dei rifiuti e riciclaggio, ai componenti chimici, ai prodotti a base biologica, ai prodotti sanitari e ai componenti ad alta efficienza energetica. Gli acquisti verdi o Gpp (Green public procurement) sono definiti dalla Commissione europea «l'approccio in base al quale le amministrazioni pubbliche integrano i criteri ambientali in tutte le fasi del processo di acquisto, incoraggiando la diffusione di tecnologie ambientali e lo sviluppo di prodotti validi sotto il profilo ambientale, attraverso la ricerca e la scelta dei risultati e delle soluzioni che hanno il minore impatto possibile sull'ambiente lungo l'intero ciclo di vita».

Si tratta di uno strumento di politica ambientale volontario che intende favorire lo sviluppo di un mercato di prodotti e servizi a ridotto impatto ambientale attraverso la leva della domanda pubblica. Le autorità pubbliche che intraprendono azioni di Gpp si impegnano sia a razionalizzare acquisti e consumi che a incrementare la qualità ambientale delle proprie forniture e affidamenti. L'obiettivo del bando è rafforzare il ruolo strategico dell'eco-innovazione creando reti transnazionali di committenti pubblici e privati che acquistano prodotti, servizi e lavori «verdi». Il fine dell'iniziativa è superare la frammentazione della domanda di soluzioni eco-innovative in Europa e di condividerne i rischi e i costi aggiuntivi di acquisto e di utilizzo.

vota