Consulenza o Preventivo Gratuito

Gettito +4,7%. Ma entrate da ruoli -2%. Imu a 4 mld

del 06/09/2012
di: La Redazione
Gettito +4,7%. Ma entrate da ruoli -2%. Imu a 4 mld
Il gettito di spettanza erariale della prima rata di acconto dell'Imu (pari a 3.977 milioni di euro) «è risultato in linea con le previsioni». Lo rende noto il Ministero dell'Economia e delle Finanze, che ha diffuso i dati sulle entrate tributarie dei primi sette mesi 2012. Più in generale, nel periodo gennaio-luglio le entrate tributarie erariali si sono attestate a 232 miliardi di euro con un aumento del 4,7% rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Ma le entrate tributarie da ruoli «risultano pari a 3.966 milioni di euro (-79 milioni di euro, pari a -2%)», anche se, secondo il Mef, «a oggi sostanzialmente in linea con le previsioni». Nel periodo in esame «le entrate tributarie erariali si sono attestate a 232.002 milioni di euro, mostrando una crescita del 4,7% (+10.359 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente», si legge nel bollettino del Dipartimento delle Finanze. «Ai fini di un confronto omogeneo, al netto dell'imposta sostitutiva una tantum sul leasing immobiliare registrata nel mese di aprile 2011, le entrate tributarie erariali presentano una crescita tendenziale pari al 5,3%».

Le imposte dirette aumentano del 5% (+6.108 milioni di euro). Il gettito Ire evidenzia una lieve variazione negativa dello 0,3 % (-316 milioni di euro) che riflette l'andamento delle ritenute dei lavoratori autonomi (-3,9%) e la riduzione dal 10% al 4% della ritenuta d'acconto applicata ai pagamenti relativi ai bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare di oneri deducibili o di spese per le quali spetta la detrazione d'imposta. Crescono le ritenute dei lavoratori dipendenti pubblici (+0,4%) e dei dipendenti privati (+0,8). Sostanzialmente stabile il gettito Ires che si attesta a 15.327 milioni di euro (-3 milioni di euro). Le imposte indirette fanno rilevare un aumento complessivo del 4,2% (+4.251 milioni di euro). Al netto dell'imposta sostitutiva una tantum sul leasing immobiliare la crescita delle imposte indirette è risultata pari a 5,5% (+5.510 milioni di euro). In flessione il gettito Iva (-1,5% pari a -880 milioni di euro) che, spiega il ministero, «riflette l'effetto congiunto dell'aumento della componente Iva del prelievo sulle importazioni (+0,7%) e della flessione della componente relativa agli scambi interni (-1,9%) che risente della stagnazione della domanda interna in particolare nel comparto dei beni di consumo durevoli compensata solo parzialmente dagli effetti legati all'incremento di un punto percentuale dell'aliquota Iva». In aumento il gettito delle imposte sulle transazioni che nel complesso aumenta del 40,2%. In crescita significativa l'imposta di bollo che registra un incremento del 158,1% (+2.948 milioni di euro) grazie al bollo su conti correnti, strumenti di pagamento e titoli.

vota