Consulenza o Preventivo Gratuito

Sisma in Emilia, nero su bianco la proroga tributaria

del 31/08/2012
di: Andrea Bongi
Sisma in Emilia, nero su bianco la proroga tributaria
Sisma Emilia, la proroga del termine di sospensione approda in Gazzetta Ufficiale.

È stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale di ieri (n. 202 del 30/8/2012) il decreto del ministro dell'Economia e delle Finanze del 24 agosto scorso che ha spostato il termine di sospensione degli adempimenti e versamenti tributari al 30 novembre 2012 (si veda ItaliaOggi del 25/8/2012).

Il nuovo termine finale di sospensione degli adempimenti acquisisce dunque piena ufficialità e operatività e interessa i cittadini e le imprese ubicati nelle aree colpite dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio scorso che hanno interessato le province di Bologna, Modena, Ferrara, Mantova, Reggio Emilia e Rovigo.

Sarà invece un apposito decreto, sempre a firma del ministro dell'Economia e delle Finanze a stabilire le modalità di effettuazione degli adempimenti e dei versamenti posteriori agli eventi sismici suddetti e fino alla nuova data finale del periodo di sospensione (30 novembre 2012).

Questo ulteriore provvedimento di carattere eccezionale relativo al terremoto del maggio scorso fa seguito alle pressioni sull'Esecutivo sollevate dai presidenti delle tre regioni interessate dagli eventi sismici: Emilia-Romagna, Lombardia, Veneto. L'ipotesi di una ripresa degli adempimenti sospesi a partire dal 1° ottobre prossimo era infatti apparsa come impraticabile tenuto conto anche dei ritardi con i quali stanno giungendo le risorse economiche alle zone colpite dal sisma e del più generale ritorno alla normalità.

Molte abitazioni, studi professionali edifici artigianali e commerciali, per ammissione dello stesso Esecutivo, risultano infatti ancora inagibili ed una ripresa degli adempimenti avrebbe potuto mettere a rischio liquidità contribuenti e imprese.

Ora con il termine finale della sospensione prorogato al 30 novembre 2012 si potrà tirare un respiro di sollievo anche se molti nodi restano ancora da sciogliere.

Fra questi resta in pole position il problema degli adempimenti di natura contributiva per i quali i precedenti interventi normativi avevano creato una diversità di trattamento rispetto a quelli di natura prettamente fiscale.

Non resta che attendere dunque il prossimo decreto ministeriale che dovrà stabilire, come recita il secondo comma del decreto del 24 agosto scorso «le modalità di effettuazione degli adempimenti e dei versamenti che scadono nel periodo di sospensione decorrente dal 20 maggio 2012 al 30 novembre 2012» per poter definitivamente chiudere il cerchio sugli adempimenti e versamenti tributari delle zone colpite dal sisma della primavera scorsa.

vota