Consulenza o Preventivo Gratuito

Groupon ora si fa spazio anche nei servizi legali

del 10/08/2012
di: Gabriele Ventura
Groupon ora si fa spazio anche nei servizi legali
Groupon si fa spazio anche nei servizi legali. Il sito web (www.groupon.it) che propone beni e servizi a prezzi scontati ha infatti iniziato a fare test nel mondo degli avvocati e sta cercando la formula giusta per proporre il pacchetto vincente. Sulla scia di quanto già sperimentato in Spagna, dove è stato proposto un deal sul divorzio. Il cambio di strategia di Groupon, che fino a qualche mese fa rifiutava proposte da avvocati iscritti all'ordine, lo ha annunciato a ItaliaOggi il ceo per l'Italia, Boris Hageney. Sì, perché il business dei servizi professionali venduti a prezzi scontati, se da un lato è diventato l'incubo degli ordini, dall'altro continua a crescere a vista d'occhio (si veda ItaliaOggi Sette del 14 maggio scorso). Anzi, raddoppia. Secondo quanto risulta a ItaliaOggi, infatti, nel 2012 sono stati venduti già 230 mila coupon, 20 mila in più rispetto ai 210 mila del 2011. Il che, tradotto, significa più di 30 mila deal al mese. Mentre i partner professionisti di Groupon sono oltre 1.200, appartenenti in particolare alle categorie medica e tecnica, e rappresentano circa il 10% del business totale del sito web in Italia. Il tutto in barba agli ordini, che nel 2011 hanno cercato di contrastare il fenomeno a suon di segnalazioni all'Antitrust (è il caso dell'ordine dei medici e di quello degli architetti). Ma vediamo nel dettaglio le prossime strategie illustrate da Hageney.

Domanda. Anzitutto, ci sono novità dall'Antitrust?

Risposta. Ancora nessuna notizia, siamo in attesa di risposta. È un processo non molto rapido e per il momento non ci sono novità.

D. Nel frattempo, come procede il business dei servizi professionali?

R. È in netta crescita. Stiamo continuando sulla linea messa a punto l'anno scorso, con un processo sempre più sofisticato di controllo e preselezione dei partner. Poi, in base ai feed back degli utenti, facciamo una ulteriore opera di selezione. Devo dire che nel mondo dei professionisti sono pochi i partner che non rispettano le offerte.

D. Quindi i professionisti scontati piacciono?

R. Abbiamo aggiunto un canale user satisfaction, attraverso il quale l'utente può dare un feed back diretto al partner. In questo modo, vogliamo mettere in contatto diretto utente e professionista.

D. Riguardo invece alla varietà di offerte, come si stanno strutturando?

R. Soprattutto nel campo medico le offerte ora sono molto più complete. Oggi il price point può arrivare fino a 79 euro, ma il deal è più strutturato e non si limita all'offerta basica, con più esami e analisi. Insomma, i medici sono sempre più disposti a formulare pacchetti completi perché hanno visto che aumenta la qualità degli utenti, e si crea anche un rapporto di fidelizzazione.

D. Quanto alle altre categorie? Ci sono nuovi partner?

R. Continuano a essere presenti ingegneri e architetti, in particolare per i servizi che ruotano attorno alla casa. C'è poi molto interesse verso le diete e in generale il settore nutrition. Stiamo anche facendo qualche test nel mondo legale ma ancora non abbiamo trovato la formula vincente. In Spagna abbiamo fatto un deal sul divorzio che ha avuto un grande successo mediatico. In Italia, invece, stiamo studiando perché abbiamo riscontrato un grande interesse da parte degli utenti.

D. Gli ordini però vi stanno facendo la guerra. Come vi confrontate con questo aspetto?

R. Si è trattato di un attacco soprattutto mediatico, con campagne verso i nostri partner. A proposito, noto che l'Ordine dei medici di Bologna ha attivato un nuovo servizio e-commerce. Dopo averci demonizzato, vogliono fare esattamente quello che facciamo noi. E questo la dice lunga sul fatto che il servizio che offriamo è totalmente legale. Di più. Il nostro servizio aiuta le aziende a crescere in tempi difficili, e il mondo medico non è certo un'eccezione. Per un professionista è fantastico avere la possibilità di conquistare nuovi clienti. Per questo riscontriamo un sempre maggiore interesse e vediamo che i professionisti sono molto proattivi per cambiare offerte e promuovere nuovi servizi.

D. Riguardo all'età dei professionisti che si rivolgono a Groupon?

R. Non posso provarlo ma ho la sensazione che la media dell'età del professionista che si rivolge a noi sia inferiore a quella totale degli iscritti agli ordini. È chiaro che un medico che sceglie Internet per fare marketing e promuoversi generalmente è giovane.

vota