Consulenza o Preventivo Gratuito

Proroghe: Il 770 telematico rinviato a settembre

del 28/07/2012
di: di Andrea Bongi
Proroghe: Il 770 telematico rinviato a settembre
L'invio telematico del modello 770/2012 slitta al 20 settembre. La proroga di oltre un mese per l'invio della dichiarazione dei sostituti d'imposta è stata infatti ufficializzata in un comunicato del Mef che annuncia la firma del relativo dpcm da parte del presidente del consiglio, Mario Monti, su proposta del ministro dell'economia e delle finanze, Vittorio Grilli.

Lo slittamento del termine per l'invio del modello 770/2012 ordinario e del 770/2012 semplificato è stato accordato, come si legge nel comunicato, «per tenere conto delle esigenze rappresentate dalle categorie professionali in relazione ai numerosi adempimenti fiscali da porre in essere per conto dei contribuenti e dei sostituti d'imposta».

La proroga del modello 770/2012 giunge a ridosso dell'originario termine di scadenza fissato per il 31 luglio e porta con sé anche un maggior lasso temporale per gli eventuali ravvedimenti operosi di ritenute d'acconto non versate, in tutto o in parte, nel corso del 2011. Anche per questi ultimi i contribuenti interessati potranno infatti avvalersi del nuovo termine del 20 settembre 2012.

Il rinvio del termine per il 770 era nell'aria già da qualche giorno e l'ufficializzazione della proroga non può che far piacere a contribuenti e intermediari.

La dichiarazione annuale dei sostituiti d'imposta è peraltro un adempimento che dovrebbe venire sostituito dall'invio telematico mensile dei dati ma che per tutta una serie di motivi continua ad essere uno degli adempimenti annuali fra i più complessi e importanti nel nostro panorama tributario.

Non c'è dubbio che la revisione degli adempimenti fiscali con la possibilità di un loro sfoltimento sia nel numero che nella tipologia del singolo obbligo, non possa non tener conto anche della dichiarazione annuale dei sostituti d'imposta.

Non si può non notare anche la data scelta per il differimento dell'invio telematico del 770, 20 settembre, che di per sé è piuttosto anomala non essendo né un fine mese, classica scadenza degli invii né un metà mese. Probabilmente la scelta sulla data del 20 settembre si è resa necessaria per evitare un vero e proprio ingorgo che si sarebbe venuto a creare spostando anche la dichiarazione dei sostituti alla fine del mese, data entro la quale devono essere trasmesse le dichiarazioni dei redditi modello Unico 2012.

Fra i primi a richiedere la proroga dell'invio del 770 l'Associazione nazionale commercialisti che tramite il suo presidente, Marco Cuchel, precisa oggi: «Siamo soddisfatti che la nostra richiesta del 03/07/2012 sia stata ascoltata ed alla fine accolta. Rimane sul piatto la sfida per una razionalizzazione delle scadenze attraverso la definizione una volta per tutte di un nuovo calendario fiscale che tenga conto di eventuali accorpamenti, della possibilità di interruzione durante il mese di agosto e della necessità di prevedere dei margini temporali fissi tra l'invio di una circolare contenente nuove disposizioni e la scadenza del relativo adempimento. Rimane comunque un rammarico, che la proroga sia stata ufficializzata a soli cinque giorni dalla scadenza».

economica. È questo il ruolo che i dirigenti esteri assegnano alle strategie di valutazione e gestione del rischio. Oltre il 91% dei manager di 400 grandi aziende in tutto il mondo valuta il risk management come uno strumento fondamentale sia per la crescita sia per i profitti (dati Accenture). In Italia, però, sono meno della metà le aziende che decidono di gestire il rischio d'impresa: più del 54% non ha una struttura dedicata e oltre l'84% non prevede di introdurla nel prossimo futuro (dati Cineas). Il contesto di crisi in cui versa l'economia ha reso instabile il mercato italiano e ha moltiplicato le minacce a cui sono soggette le imprese. Nel 2011, secondo l'Istat, i profitti delle aziende del nostro paese hanno registrato i valori più bassi dal 1995 e si prevede, per il 2012, una contrazione del pil fino all'1,5%, con speranze di crescita (+0,5%) solo nel 2013.

vota