Consulenza o Preventivo Gratuito

Spesa pubblica: Enti obbligati a scontare gli immobili

del 28/07/2012
di: di Ignazio Marino
Spesa pubblica: Enti obbligati a scontare gli immobili
Nuova tegola in arrivo per le casse di previdenza. Il provvedimento varato dal governo per razionalizzare la spesa pubblica, infatti, darà una mano agli inquilini delle case di proprietà degli enti previdenziali. E al contempo complicherà la vita degli stessi istituti pensionistici, soprattutto quelli dei professionisti che stanno attuando la dismissione di una parte del loro patrimonio immobiliare. Con un emendamento approvato all'articolo 3, i relatori hanno inserito nella spending review la previsione di uno sconto speciale da applicare ai prezzi degli immobili messi in vendita dagli enti. Non solo. L'inquilino avrà più tempo (120 giorni) a sua disposizione per decidere se accettare o meno la prelazione accordata. La novità, comunque estranea alla materia del provvedimento, è stata inserita «in considerazione delle particolari condizioni del mercato immobiliare e delle difficoltà di accesso al credito e per agevolare e semplificare i processi di dismissione immobiliare da parte degli enti inseriti nell'elenco Istat (legge 196/2009)». In realtà la norma non faciliterà gli enti che, approvata la legge, dovranno praticare uno sconto (quindi incassando di meno) e dare più tempo agli inquilini per accettare o meno la proposta (creando confusione anche nei bilanci), tradendo così lo spirito di semplificazione annunciato. Fra l'altro, sempre per effetto del citato elenco Istat, le casse dei professionisti in futuro dovranno risparmiare sulla spesa corrente (5/10%) e versare allo stato il bottino.

vota