Consulenza o Preventivo Gratuito

Gestione previdenziale: Contributi, basta aumenti

del 26/07/2012
di: La Redazione
Gestione previdenziale: Contributi, basta aumenti
L'appuntamento del 19 ottobre, giorno in cui si svolgerà l'importante convegno organizzato dall'Ancot - Associazione nazionale consulenti tributari sulle problematiche legate alla gestione previdenziale dei tributaristi si sta avvicinando. Un seminario che certamente permetterà di analizzare compiutamente un problema che interessa moltissimi professionisti che non sono iscritti a un albo professionale e tra questi molti giovani. A decorrere dal 2013 scatterà, infatti, l'incremento dell'aliquota contributiva pensionistica. Un provvedimento che è stato da sempre fortemente criticato da parte dell'Ancot e i motivi li spiega il presidente nazionale Arvedo Marinelli: «Dobbiamo constatare che il ministro Elsa Fornero, dopo aver sentito le rimostranze del mondo dei professionisti senza cassa di previdenza iscritti nella gestione separata dell'Inps, ha fatto orecchie da mercante perché il decreto di riforma del lavoro colpisce in maniera dura e iniqua noi tributaristi e tanti altri professionisti che versano contributi obbligatori alla Gestione Separata dell'Inps». «Il provvedimento è particolarmente gravoso», ha commentato Marinelli, «perché porta la contribuzione dal 27,2% al 33,72% ben sei punti percentuali sul reddito. È da ricordare che già un punto percentuale era stato aumentato a fine 2011! E dire che la Gestione separata Inps era nata nel 1996 con una contribuzione del 10%!». Il provvedimento non permette ai tributaristi di operare sul mercato a parità di trattamento con gli altri professionisti. Gli altri professionisti delle Casse di previdenza pagano contributi che variano dal 12% al 15% e gli altri lavoratori autonomi imprenditori, artigiani e commercianti pagano il 21%. «Aliquote che sono di gran lunga inferiori», ha spiegato Arvedo Marinelli, «a quelle che invece devono applicare i tributaristi ai loro clienti. Una condizione che rischia di mettere i tributaristi “fuori mercato” in quanto si ledono in maniera evidente le regole della concorrenza». Nell'ambito della manifestazione Plus Italia che il Colap sta organizzando a Roma per il prossimo 19 ottobre, l'Ancot intende organizzare un momento di analisi e confronto sul tema con la partecipazione di importanti esperti del settore della previdenza oltre, ovviamente, ai vertici dell'associazione dei tributaristi. «A quell'appuntamento», ha detto il presidente Marinelli, «dovrebbero partecipare politici di spessore esperti della materia e dirigenti dell'Inps». L'Ancot ha deciso di mettere a disposizione di coloro che versano i propri contributi nella gestione separata uno spazio all'interno del proprio spazio Facebook. «Siccome la problematica interessa da vicino molti giovani professionisti», ha spiegato Marinelli, «abbiamo voluto mettere a disposizione uno spazio all'interno della nostra area Facebook proprio per raccogliere opinioni esperienze e giudizi su questa materia».

vota