Consulenza o Preventivo Gratuito

Illecito uso riportare all'attualità le vecchie foto

del 14/07/2012
di: di Antonio Ciccia
Illecito uso riportare all'attualità le vecchie foto
Le fotografie concesse in uso editoriale a quotidiani web e postate sulle relative pagine internet «storiche» e sulle «fotogallery», oltre il termine contrattualmente pattuito, costituiscono illecito uso e sfruttamento commerciale se nelle relative pagine esistano banner pubblicitari o elementi di attualizzazione, quali ad esempio notizie aggiornate. È quanto deciso dal Tribunale di Torino, sezione specializzata per la Proprietà industriale con ordinanza cautelare 23 maggio 2012 nella causa rg 10654/12. Il tribunale ha, quindi, bocciato la prassi secondo cui le foto di cronaca date in licenza per un determinato periodo, se non diversamente disposto dal contratto, rimanessero per così dire «acquisite» dal licenziatario quale dato d'archivio, senza dunque alcuna restrizione al loro utilizzo, a contratto scaduto, nelle pagine storiche del sito, e quindi nell'ambito della loro originale pubblicazione. Il Tribunale di Torino ha invece stabilito, che il mantenimento della foto all'interno della pagina nella quale essa fu pubblicata è legittimo solo qualora la pagina in questione non sia in alcun modo attualizzata. Il tribunale ha accertato un «abusivo sfruttamento economico delle fotografie», perché agli utenti, oltre al contenuto fotografico richiesto, venivano presentati annunci pubblicitari, fonte di guadagno per il sito stesso. La conseguenza della pronuncia è che le immagini concesse ad uso editoriale online devono essere rimosse al termine della licenza nel caso in cui le pagine su cui sono state pubblicate rimangano oggetto di sfruttamento commerciale. Il provvedimento non soltanto obbliga il gruppo editoriale a rimuovere le foto dai propri siti internet, ma fissa una penale di 1.000 euro per ogni violazione e per ogni giorno di ritardo nell'ottemperare all'ordinanza, a partire dal decimo giorno successivo alla sua pubblicazione. La pronuncia interpreta, quindi, una usuale clausola contrattuale secondo la quale le case editrici possono archiviare nei propri sistemi le immagini: le foto possono rimanere nelle pagine on line soltanto come archivio.

vota