Consulenza o Preventivo Gratuito

Fisco: La prima rata Imu porta in cassa 9,5 mld

del 10/07/2012
di: Matteo Rigamonti
Fisco: La prima rata Imu porta in cassa 9,5 mld
Imu, primo obiettivo centrato quasi al 100%. A fine giugno, infatti, i versamenti della prima rata ammontano a oltre 9,5 miliardi di euro (9.551 milioni per l'esattezza) sul totale dei 9,7 preventivati. E sono 23,8 milioni gli italiani che hanno versato il contributo relativo alla prima scadenza del 18 giugno, su un totale di 25,5 milioni di proprietari censiti. La soluzione in due rate è stata quella preferita (94,5%) dai contribuenti. Il dato è stato fornito nel fine settimana dal ministero dell'economia e delle finanze. Come emerge dai risultati diffusi dal dicastero di via XX settembre, a fine giugno i versamenti Imu relativi alla prima scadenza del 18 del mese ammontano a oltre 9,5 miliardi di euro (9.551 milioni), contro i 9,7 preventivati. Sulla base del gettito di giugno, dunque, la previsione per l'intero 2012 (pari a 20.085 milioni di euro) è in linea con quella iniziale di 20,1 miliardi di gettito atteso. Fino ad ora risultano aver versato circa 23,8 milioni di contribuenti su una platea potenziale di 25,5 milioni. Mentre 1,7 milioni mancano ancora all'appello. L'importo medio dei versamenti è stato di circa 400 euro; su base annua l'importo medio si attesta a circa il doppio. Il gettito Imu relativo alla prima abitazione è risultato pari a 1,603 mld di euro che su base annua si attesta a circa 3,3 miliardi di euro, in linea con le previsioni. Il numero dei contribuenti che hanno versato l'Imu sull'abitazione principale è stato di circa 16 milioni con un importo medio di versamento di 100 euro. Solo il 5,5% dei contribuenti (circa 877.000) ha optato per le cosiddette “tre rate”, ossia due rate per l'acconto a giugno e il saldo a fine anno. Mentre la soluzione preferita (94,5%) è stata quella di accorpare in un'unica rata l'acconto più il saldo a dicembre. Il gettito Imu sugli altri immobili è stato pari a 7,9 miliardi di euro, versati da 15,9 milioni di cittadini, con un importo medio di versamento pari a 500 euro. L'Imu sui fabbricati rurali strumentali (il cui acconto è stato fissato nella misura del 30%) invece è stata pari a 15,7 milioni di euro. “Milioni di contribuenti hanno fatto quello che dovevano fare”, ha commentato il sottosegretario Vieri Ceriani. Spiegando che il lieve scostamento sarà coperto con i versamenti dei contribuenti che pagheranno entro fine anno.

vota