Consulenza o Preventivo Gratuito

Manovra: Risparmieremo 26 mld in tre anni

del 07/07/2012
di: La Redazione
Manovra: Risparmieremo 26 mld in tre anni
Scure sulla sanita': entro il 30 novembre via 18mila posti letto negli ospedali. Cura dimagrante anche per gli statali: assunzioni ridotte, taglio del 10% del personale e del 20% dei dirigenti. Dimezzate le province. E' quanto prevede il decreto sulla spending review, il dl 94/2012, pubblicato ieri sulla G.U. n. 156 e da oggi in vigore. L'operazione consentira' risparmi per 26 miliardi in tre anni: 4,5 miliardi per il 2012; 10,5 per il 2013 e 11 per il 2014. Sterilizzato l'aumento dell'Iva che scattera' dal primo luglio 2013, mentre a decorrere dal 2014 il rincaro sara' dello 0,5%. Ecco le principali novità.

IVA. L'aumento dell'Iva scattera' dal primo luglio 2013, mentre a decorrere dal 2014 il rincaro sara' dello 0,5%.

STATALI. TAGLI E ASSUNZIONI RIDOTTE. Tagli del 20% degli uffici dirigenziali e del 10% del personale. Ridotti anche gli organici dei militari, non meno del 10%.

ARRIVA LA PAGELLA PER GLI STATALI. Verranno individuati per decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri, di concerto con l'Economia, i criteri per «la valutazione organizzativa e individuale» dei dipendenti pubblici.

BUONI PASTO. Non potranno superare i 7 euro a partire dal 1 ottobre.

LIBRI SCUOLA GRATIS, 103 MLN DAL 2013. Al fine di assicurare la prosecuzione degli interventi previsti dall'articolo 27, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448, e' autorizzata la spesa di 103 milioni di euro a decorrere dall'anno 2013.

AUTO BLU. Nel 2013 la spesa per le auto blu non dovra' superare il 50% di quanto speso nel 2011. Stretta anche per la Consob.

SCUOLA. Arrivano pagella e note on line e le iscrizioni alle scuole statali di ogni grado dall'anno scolastico 2012-2013, per gli anni successivi, potranno essere solo via web.

UNIVERSITA'. 90 milioni in piu' per prestiti d'onore e borse di studio da ripartire tra le regioni per il 2013.

SCURE SU REGIONI E COMUNI. Le risorse dovute dallo Stato alle regioni a statuto ordinario sono ridotte di 700 milioni per il 2012 e di 1 miliardo dal 2013. Per i Comuni il taglio e' di 500 milioni per il 2012 e 2 miliardi per il 2013. Per le province riduzione di 500 milioni per il 2012 e 1 miliardo per il 2013.

SANITÀ. Confermato il taglio di tre miliardi di euro per il fondo sanitario nazionale nel 2012-2013, con un miliardo in meno quest'anno e due miliardi a decorrere dal 2013. Tagliati del 5% gli appalti di fornitura di beni e servizi in sanita'. Raddoppia lo sconto sui farmaci a carico dei farmacisti convenzionati, che passa dall'1,82% al 3,65%.

VIA 18MILA POSTI LETTO. Entro il 30 novembre di quest'anno le Regioni dovranno ridurre i posti letto nelle strutture sanitarie, un taglio di circa 18mila posti, pari a 0,3 per mille abitanti.

ESODATI. Vengono salvati ulteriori 55.000 lavoratori esodati rispetto ai 65 mila gia' interessati e potranno esserne interessati altri 1.600.

POLIZIA. I dipendenti delle forze di polizia di eta' inferiore a 32 anni, salvo casi eccezionali, devono essere utilizzati a servizi operativi.

LIQUIDATORI. I commissari liquidatori di enti pubblici potranno avere un incarico non superiore ai 3 anni, che potra' essere prorogato una sola volta per un periodo massimo di 2 anni, quindi per complessivi 5 anni.

TERREMOTO. Saranno garantite risorse pari a 1 mld per il 2013 e altrettanto per il 2014.

INTERCETTAZIONI. Tagliati i costi delle intercettazioni. I risparmi sono stimati per 20 milioni nel 2012 e 40 milioni nel 2013.

PROVINCE. Via le province piu' piccole e meno popolate con l'obiettivo di dimezzarle. Salve le province nel cui territorio si trova il capoluogo di regione e quelle confinanti con regioni diverse da quella di appartenenza. Entro l'1 gennaio vengono istituite 10 citta' metropolitane; Roma, Torino, Milano, Venezia, genova, Bologna, Firenze, Bari, Napoli, Reggio Calabria.

vota