Consulenza o Preventivo Gratuito

Attilio Befera: con Equitalia 1.600.000 rateazioni

del 30/06/2012
di: La Redazione
Attilio Befera: con Equitalia 1.600.000 rateazioni
Un milione e seicentomila rateazioni per un valore di una decina di miliardi. I numeri sulla rateazione delle cartelle di pagamento concesse da Equitalia lo ricorda, il presidente della società di riscossione Attilio Befera a margine di un convegno organizzato da «Magna Charta Nordest» a Villorba (Treviso), cogliendo l'occasione per rispondere ancora una volta agli attacchi alla società da lui presieduta: «Non c'è nessun suicidio a causa di Equitalia». E lo scandisce il direttore dell'Agenzia delle entrate e presidente di Equitalia, Attilio Befera, a chi gli fa presente i numerosi suicidi che hanno coinvolto il Nordest. Befera elenca: «Noi abbiamo concesso rateazioni, bloccato le azioni la dove era necessario, il parlamento, ha aggiunto, ci ha dato la possibilità di fare proroghe, abbiamo dato un milione e seicentomila rateazioni per qualche decina di miliardi. Siamo attentissimi a questo», ha ribadito il direttore dell'Agenzia delle entrate, «poi che la crisi provochi delle situazioni di sconforto, per carità lo riconosco e mi dispiace. Attribuire un rapporto diretto tra suicidi ed Equitalia è scorretto». Rispetto agli studi di settore, Befera ha fatto sapere che «questi vanno rivisti periodicamente per tener conto della crisi e questo», ha proseguito, «è un altro elemento che va a favore dei piccoli imprenditori che hanno problemi di tassazione. Ricordiamoci sempre che pagare le imposte è un obbligo non una facoltà. Abbiamo rivisto gli studi di settore e se necessario», ha concluso, «continueremo a rivederli». Sul rapporto fisco e ricchezza il numero uno di Equitalia ha aggiunto: «Non siamo contrari alla ricchezza, gli imprenditori producono ricchezza e ben venga produzione di ricchezza, cercheremo di essere sempre attenti e di creare un clima di fiducia, lo sto dicendo dal 2010». Per Befera è necessario creare «un clima di fiducia, la ricchezza prodotta è tassata, purtroppo la tassazione in Italia è elevata, ha riconosciuto, ma la ricchezza tassata è intoccabile anche da noi».

Sulle tensioni che hanno interessato alcune sedi di Equitalia nel Paese, Befera ha poi aggiunto: «Mi auguro che sia un fenomeno legato sicuramente alla crisi; legato anche, in parte, al fatto che si è agito per recuperare le imposte evase alle volte anche con azioni particolarmente significative e che forse in Italia non c'era l'abitudine a queste azioni, vedendo cosa accade in Inghilterra e Stati Uniti ci si renderebbe conto», ha concluso, «che qui si è molto più soft».

A chi gli ricordava il blitz dei finanzieri nella «perla delle Dolomiti» a Capodanno Befera ha promesso: «Di polveroni successivi a quello di Cortina ne abbiamo fatti tantissimi, continueremo a farne. Le persone interessate i dati li hanno e siccome c'è comunque una riservatezza se loro intendono darli, li danno altrimenti no. Non li daremo certo noi», ha avvertito, «i dati sintetici, poi, li diamo periodicamente, daremo anche questi».

vota