Consulenza o Preventivo Gratuito

Part-time incompatibile con la toga

del 28/06/2012
di: La Redazione
Part-time incompatibile con la toga
Salve le norme sulle incompatibilità delle professione di avvocato (legge n.339/2003) che non consentono più l'esercizio della professione forense ai dipendenti pubblici part-time con orario fino al 50% di quello a tempo pieno. Lo ha deciso la Consulta nella sentenza n.166/2012 (redattore Giuseppe Frigo) che ha giudicato non fondato il ricorso sollevato sul punto dalla Cassazione. Secondo i giudici di Palazzaccio l'attuale normativa lederebbe «il legittimo affidamento, riposto dai soggetti che già si trovavano nello stato di avvocati part-time, nella possibilità di proseguire nel tempo nel mantenimento di detto stato». La Consulta però, richiamando la propria precedente giurisprudenza (sentenza n. 390 del 2006), ha dato risposta negativa ai dubbi di legittimità costituzionale della normativa in oggetto. Gli artt. 4 e 35 Cost., infatti, nel garantire il diritto al lavoro, «ne rimettono l'attuazione alla discrezionalità del legislatore. Tant'è che nemmeno il diritto dell'Unione è stato giudicato di ostacolo ad una normativa nazionale che preclude l'esercizio della professione forense ai dipendenti pubblici a tempo parziale»
vota